SERIE A2 - 06/03/2019

Il Milano fa tremare il Petrarca: biancorossi vicini al colpaccio, termina 4-4

Sotto 3-1 all'intervallo, gli uomini di Sau rientrano dagli spogliatoi determinati e con Lopez Escobar, Renoldi e Santagati ribaltano il punteggio e vanno vicinissimi al successo. Di Dudù Costa a quattro minuti dalla sirena la rete che chiude i conti

Quando tutto sembrava già scritto, quando non pensi ad una partita del genere, ecco che nelle difficoltà salta fuori la prova d’orgoglio. Il Milano con una prestazione di grande livello spaventa non poco un Petrarca Padova forse troppo sicuro di sè che dimostra il proprio valore solo in uno spicchio di partita che non è bastato per portare a casa i tre punti. Tre punti che avrebbero meritato i biancorossi per la straordinaria gara senza la guida in panchina di mister Sau squalificato così come Sardella e Luca Peverini. Ma nella emergenza capitan Esposito e compagni hanno creato e sciupato molto dimostrando che vincere al Seven Infinity non è così semplice.

Il Milano parte subito bene concedendo poco agli avversari ma davanti alla porta non è preciso in due occasioni limpidissime con Renoldi, il cui tiro è respinto da un difensore con il portiere già battuto, e Marco Peverini che impatta male con la sfera alzando troppo la mira a tu per tu con Timm. Così ne approfitta il Padova che alla prima occasione passa con l’ex di turno Fabricio Urio che trova uno spiraglio su punizione infilando Muratori nell’angolino basso. Il Milano trova il pari sugli sviluppi di una punizione di Renoldi che Ale Lopez Escobar deve calciare due volte prima di battere l’estremo difensore veneto. Ma nel giro di due minuti il Padova da un’accelerata che sembra decisiva. Prima torna in vantaggio con Il preciso tiro di Dudu Costa e poi allunga con Cividini bravo nel movimento da pivot puro per battere Muratori. Il Milano sembra stanco per il grande primo tempo e le assenze sembrano farsi sentire. Nella ripresa però i milanesi trovano orgoglio e fiato per capovolgere la situazione. Ancora Lopez Escobar accorcia con uno splendido tocco di tacco a due passi da Timm su pennellata centrale di Peverini il quale, poco dopo, con una geniale suolata a pochi centimetri dalla porta libera Renoldi per la rete del pareggio. Il Petrarca accusa il colpo e subisce la quarta rete di Santagati che con grande personalità si gira sul destro per sorprendere Timm tra le gambe su una azione nata dalla grande accelerazione di Renoldi sulla destra. Il Padova fatica a reagire e trovare sbocchi in fase offensiva costringendo Mister Giampaolo a usufruire dell’uomo di movimento molto presto. La strategia funziona e gli ospiti pareggiano con Dudu Costa appostato sul secondo palo sul fendente di Urio.

MILANO-PETRARCA PADOVA 4-4 (1-3 p.t.)
MILANO: Muratori, Peverini M., Lopez Escobar, Esposito, Renoldi, Santagati, Spampinato, Kebbaj, Brioschi, Schiavone, Bianco, Mauri. All. Sau
PETRARCA PADOVA: Timm, Cividini, Delpizzo, Alba, Urio, Dudù Costa, Arteiro, Mazzon, Vitale, Marchese, Lo Buglio, Zanellati. All. Giampaolo
MARCATORI: 13’ p.t. Urio (P), 15’ Lopez Escobar (M), 15’30’’ Dudù Costa (P), 17’ Cividini (P), 1’ s.t. Lopez Escobar (M), 4’ Renoldi (M), 8’ Santagati (M), 16’ Dudù Costa (P)
AMMONITI: Esposito (M)
ARBITRI: Francesco Aufieri (Milano), Michele Ronca (Rovigo) CRONO: Davide De Ninno (Varese)

 


FOTO DUGHETTI: Ale Lopez Escobar autore di una doppietta.

 


altre notizie
26/02/2019
Il Milano cade nella ripresa a Mantova: contatto perso con [>>]
22/02/2019
Milano, esame di maturità a Mantova. Sau: "Voglio vedere [>>]
15/02/2019
Milano, contro il Bubi Merano conta solo un risultato: [>>]
12/02/2019
Il Milano riparte con il piede giusto: travolto il Città [>>]
08/02/2019
Milano, alla ripresa delle ostilità il Chiuppano. [>>]
02/02/2019
Milano, una sgambata per recuperare fisico e mente: test [>>]
01/02/2019
Sau: "Bene in casa, molto male in trasferta. Milano, mi [>>]
>> LEGGI TUTTE