SERIE B - 09/04/2017

Città di Mestre, nessun rimpianto: vittoria a Forlì, ma non basta per i playoff

I neroarancio conquistano tre punti nell'ultimo impegno di campionato, ma i successi di Faventia, Vicinalis e Fenice rendono inutile il blitz in terra emiliana. Il team di Frizziero chiude al sesto posto, adesso si inizia a lavorare per il futuro

Doveva vincere anche questa partita il Città di Mestre e l’ha fatto, bene, senza mai rischiare, controllando nel primo parziale per poi allungare all’inizio del secondo. E con un record stagionale, zero falli in quaranta minuti effettivi di gioco. Ma non è bastato per poter raggiungere la post season perché negli altri incontri le dirette concorrenti per un posto nei play off hanno ottenuto i loro giusti successi e così proseguono la loro avventura Faventia C5, Miti Vicinalis e tra le migliori quinte la Fenice VeneziaMestre. Con il Villorba a fare loro compagnia e il Carré Chiuppano a festeggiare una meritata promozione in serie A2 proprio in casa dei trevigiani che speravano di fare lo sgambetto decisivo alla capolista. Retrocedono invece Rotal Five Mezzolombardo, Imolese e Manzano con Trento che si gioca i play out.

Adesso il Città di Mestre va in vacanza. Con la testa e le gambe alla prossima futura stagione in cadetteria. Conoscendo mister Frizziero si comincerà già da subito a lavorare, cercando di migliorare alcune lacune paventate in questa stagione. Quei limiti, soprattutto mentali e di carattere, che nel girone d’andata sono forse costati punti decisivi nella corsa ai play off.

Alla fine comunque questa doveva essere una stagione zero. Per crescere come società e come squadra. E sembra proprio che la strada intrapresa sia quella giusta. Adesso non ci resta che aspettare, e nel 2017/2018 migliorare ancora di più, ancora più di questo onorevole e ottimo sesto posto finale.

La cronaca: Il primo quintetto del Città di Mestre con Villano, Biancato, Ouddach, Agatea, Saviolo. Ci vogliono dieci minuti per sbloccare una partita che all’inizio è molto equilibrata. E a farlo è la squadra che deve cercare la vittoria, quella che ha bisogno dei tre punti per sognare ancora, mentre i padroni di casa si sentono tranquilli con la salvezza già conquistata tre turni fa. Così al 11’18” su una punizione di seconda Agatea la tocca per Saviolo, conclusione con Ouddach che di tacco trova la deviazione decisiva. Passano meno di due minuti e al 13’14” su una palla persa in attacco il Forlì parte in contropiede due contro uno permettendo a Casetti di pareggiare. Ci vuole allora la doppietta di Ouddach per riportare in avanti gli arancioneri al 14’40”, bravo a finalizzare un assist di Zakouni. Premono gli ospiti che vogliono chiudere il conto e concentrarsi sulle notizie che arrivano dagli altri campi, ma sprecano almeno un paio di occasioni con Scandagliato e Sannino prima che Agatea al 18’17” sigli il terzo gol con una prodezza. A prodezza risponde prodezza e al 18’42 il giapponese Takahashi su corner colpisce al volo facendo chiudere il primo parziale sul 2-3.

Secondo tempo. Si riparte con Villano, Zakouni, Ouddach, Biancato, Saviolo. Comincia subito spingendo sull’acceleratore il quintetto di Frizziero e al 1’45 Saviolo salta il suo diretto avversario e girandosi con prontezza batte Moretti per il 2-4. Forlì prova a rimettere fuori la testa e viene punita in contropiede con Zakouni che serve Biancato per il 2-5 al 2’58”. Ancora Città di Mestre al 8’45” con Agatea che impegna Moretti, che però non può nulla al 9’14” sulla doppia conclusione di Biscaro che mette a segno il 2-6. Villano diventa protagonista sfortunato con una parata di faccia che lo costringe ad uscire per non rientrare più e al suo posto entra Azzalin. Niente di grave ma il numero uno mestrino finisce anticipatamente il suo campionato. L’estremo ospite è sfortunato nella sua apparizione in campo, perché al 13’51” viene punito da una leggera deviazione su tiro di Casagrande che consegna ai padroni di casa il 3-6. È solo un fuoco di paglia per i romagnoli perché al 16’37” Zakouni ripristina le distanze e potrebbe essere anche 3-8 se Sannino non fallisse una buona occasione al 17’33”. Alla fine la soddisfazione della doppietta personale per Takahashi che chiude il secondo parziale come aveva terminato i primi venti minuti. Sua la rete del definitivo 4-7 che è anche l’ultimo sussulto della stagione di entrambe le formazioni, destinate ad incrociarsi nella serie cadetta anche il prossimo anno.

FORLI CALCIO A 5 – CITTÀ DI MESTRE: 4-7

FORLÌ CALCIO A 5: Moretti, Aldini, Cirillo, Gardelli, Sula, Casagrande, Cangini Greggi, Takahashi, Lucchese, Casetti. All. Moretti

CITTÀ DI MESTRE: Villano, Ouddach, Scandagliato, Zakouni, Biancato, Agatea, Saviolo, Semenzato, Azzalin, Biscaro, Badaoui, Sannino.Allenatore: Frizziero

Arbitri: Spadola di Lovere, Cedraro di Perugia, crono: Ghetti di Bologna.

RETI: P.t. 11’18” Ouddach (CdM), 13’14” Casetti (F), 14’40” Ouddach (CdM), 18’17” Agatea (CdM), 18’42 Takahashi (F); S.t. 1’45” Saviolo (CdM), 2’58” Biancato (CdM), 9’14” Biscaro (CdM), 13’51” Casagrande (F), 16’37” Zakouni (CdM), 19’ 10” Takahashi (F)

Note: p.t. 2-3; Ammoniti: Agatea, Gardelli.

(www.cittadimestre.it)


altre notizie
31/03/2017
Ultima chiamata per il Città di Mestre. Zakouni: "Dobbiamo [>>]
27/03/2017
Città di Mestre, la fatal Vazzola: neroarancio ko col [>>]
23/03/2017
Città di Mestre, Frizziero va all-in "Tre finali, voglio [>>]
18/03/2017
Città di Mestre, Frizziero rinnova: "Possiamo ancora fare [>>]
13/03/2017
Città di Mestre, sabato da dimenticare contro il Futsal [>>]
10/03/2017
Mestre, Bellemo salta il derby col Villorba: "Gara [>>]
05/03/2017
Città di Mestre, solo un pareggio a Cornedo: un 3-3 tra [>>]
>> LEGGI TUTTE