SERIE B - 16/08/2017

Fenice, Meo: "Qui si fanno piccoli miracoli: la crescita prima di tutto"

Il classe '95 fa il "punto" personale e di squadra nell'intervista di Futsalplayers: "Un giorno mi piacerebbe giocare in Serie A, ma questa è la piazza ideale per completare la maturazione. Il livello del campionato si è alzato, noi saremo la mina vagante"

Alessandro Meo, icona della Fenice VeneziaMestre C5, si appresta ad iniziare la sua sesta stagione in maglia orange. Partiamo dalla stretta attualità....uscito il girone di coppa....Città di Mestre e Maccan Prata le avversarie....si può dire che siete i favoriti?
”Assolutamente no - dichiara Meo intervistato da FutsalPlayers -. Anzi, a differenza delle avversarie noi avremo un nemico in più, dovremo infatti combattere anche contro le squalifiche che non ci permetteranno di essere al completo fin da subito. Io compreso dovrò saltare le prime giornate di campionato e coppa Italia per sanzioni accumulate lo scorso anno tra prima squadra e Under 21”

Simbolo indiscusso di quella che è una tra le ”cantere” migliori d’Italia, a differenza di alcuni tuoi compagni che hanno dimostrato di poter fare molto bene anche in A ci spieghi la tua scelta di rimanere a Mestre e l’attaccamento a questa maglia....scelta di vita o altro?
”Premetto che, anche a me, piacerebbe un giorno fare un’esperienza in Serie A e che non è stata una decisione facile perché fortunatamente anche quest’anno le offerte da fuori non sono mancate. Ho scelto ancora la Fenice perché, oltre ad esserci fortemente legato affettivamente, la ritengo la piazza ideale per continuare a crescere (sotto la guida di un tecnico di alto livello come Pagana), giocare molto, continuare il mio percorso di maturazione anche in maglia Azzurra e nel frattempo portare a termine gli ultimissimi esami e la tesi all’università (tesi che fra le altre cose tratterà anche di calcio a 5). Mi sento in dovere di ringraziare le società che mi hanno cercato e soprattutto la Penta Sport Consulting nella persona di Vincenzo Portelli per aver assecondato la mia scelta”.

La stagione è ormai alle porte....secondo te come si è mossa la società, quali sono gli obiettivi stagionali e dove può arrivare questa squadra?
”La società ha riconfermato per intero il blocco di giocatori che l’anno scorso raggiunsero il traguardo storico dei Play Off di Serie B e gli Ottavi di finale di Coppa Italia, pertanto la rosa della prima squadra sarà ancora una volta sotto i vent’anni di età media: una notizia bellissima!! Ogni anno qui si realizzano dei miracoli sportivi. Questa è una società magica, solo chi ci vive e ci lavora conosce i sacrifici che vengono fatti per portare avanti tutto questo. In Italia non esistono simili progetti. Al tempo stesso però, tutte le squadre del nostro girone si sono rinforzate garantendosi le prestazioni di giocatori professionisti provenienti da tutto il mondo. Il livello, a mio avviso, si è parecchio alzato avvicinandosi molto a quello dell’A2 nord. Il Petrarca è la super favorita per la vittoria finale ma occhio anche a Villorba, Vicinalis e Mestre. Noi saremo la classica mina vagante, vogliamo raggiungere la salvezza il prima possibile, poi tutto ciò che verrà in più sarà ben accetto. Senza dimenticare che i nostri obiettivi principali saranno sempre la crescita e la formazione di atleti per il grande futsal”.

PER SAPERNE DI PIU’


altre notizie
11/08/2017
#futsalmercato, Eros Nappi concede il bis con la P5 Spinea [>>]
11/08/2017
Fenice, Alberto Rossato ancora in prestito al P5 Spinea [>>]
01/08/2017
#futsalmercato, la Fenice Veneziamestre dà il benvenuto a [>>]
25/07/2017
La Fenice punta sulla continuità, Pagana: "Prima la [>>]
12/05/2017
Fenice, un'altra scommessa vinta: "Ora manteniamo [>>]
05/05/2017
La Fenice contesta il nuovo calendario: protesta ufficiale [>>]
20/04/2017
Fenice senza pressione, Pagana: "Tutto ciò che verrà [>>]
>> LEGGI TUTTE