SERIE B - 01/06/2019

La Fenice si tiene stretta la stella Tenderini: "Un risultato frutto del lavoro"

Alvise è uno dei giocatori di maggior talento a livello nazionale, protagonista anche in maglia azzurra: è stato tra i grandi protagonisti della cavalcata vincente dei mestrini di Pagana: "Abbiamo fatto qualcosa di straordinario, ma allo stesso tempo penso meritato"

Uno dei punti di forza di questa Fenice Venezia Mestre che da settimana scorsa è volata in Serie A2 risponde al nome di Alvise Tenderini. Un giocatore di livello assoluto, che ha assaporato la Serie A in un palcoscenico importante come Pescara, ha collezionato diverse presenze in maglia azzurra, ma che a Mestre ha la sua dimensione ideale, al centro del progetto tecnico di Pagana.

”Sono passati alcuni giorni ormai dall’impresa storica che siamo riusciti a fare – ricorda Alvise Tenderini - giorno dopo giorno si realizza sempre di più quel che si è fatto, in questo caso penso ce ne vorranno di giorni... Abbiamo fatto qualcosa di straordinario ma allo stesso tempo penso meritato, dopo anni di sacrifici era giusto che i nostri sforzi venissero premiati”.

Dediche speciali.

”Questa promozione voglio dedicarla a me stesso per tutti i sacrifici che continuo a fare anche dopo aver iniziato a lavorare, alla mia ragazza Sofia che mi supporta sempre affrontando insieme a me la mia passione per questo sport e alla mia famiglia per non lasciarmi mai solo in nessuna situazione, sportiva o privata che sia. Non posso che non ringraziare anche tutti i miei compagni di squadra che ogni giorno diventano sempre più miei fratelli, i mister e i dirigenti e anche tutto il pubblico che ci ha sempre sostenuto”.

Per Tenderini un’annata molto particolare, sia per la lunga squalifica della prima parte di annata che per molti cambiamenti di vita personale, finita come meglio non poteva.

”Dopo questa promozione non penso cambierà molto sotto il punto di vista lavorativo e societario, è da anni che la società programma nei singoli dettagli la nostra attività. Abbiamo la fortuna di essere seguiti giornalmente da persone preparate che non ci fanno mai mancare nulla. Si continuerà a lavorare così, giorno dopo giorno, facendo crescere ulteriori ragazzi giovani che quando saranno chiamati in causa daranno sicuramente una mano a noi vecchi”.

Nicola Ciatti

 


Foto: Cristian Traverso


altre notizie
11/04/2020
Fenice, le previsioni di Pagana: "Epilogo scontato, il [...]
16/03/2020
Che ne sarà della stagione? Zago: "La sensazione è che il [...]
22/02/2020
Harakiri Fenice! Zanchetta e Major, il Città di Asti [...]
21/02/2020
Fenice, passaggio a Nord Ovest. Cavaglià: "Ad Asti andiamo [...]
19/02/2020
Fenice, Botosso: "Chiuppano risultato bugiardo, ad Asti [...]
15/02/2020
Una combattiva Fenice si arrende al Chiuppano: a Mestre [...]
10/02/2020
Fenice, la grinta di Molin: "Non molliamo, abbiamo i mezzi [...]
>> LEGGI TUTTE