SERIE A2 - 18/09/2019

Union Fenice, la fiducia di Bovo: "Prima riconfermarci, poi chissà..."

Il responsabile della squadra lagunare ha analizzato la partita contro la Noalese. "Abbiamo fatto bene e sono ottimista per la prossima stagione". Si riparte dallo zoccolo duro e "può essere l'amalgama del gruppo la nostra arma vincente"

L’Union Fenice saluta la Coppa della Divisione arrendendosi solo ai calci di rigore contro la Noalese. Traspare fiducia nell’analisi del responsabile della squadra, Alberto Bovo che parla della gara di sabato scorso.

”Entrambe le squadre avevano dei limiti di tenuta fisica, considerando che si è ancora in fase di preparazione. Nonostante ciò è stata una gara tirata fino alla fine e decisa ai calci di rigore. Dal canto nostro abbiamo cambiato metodo di gioco con il nuovo allenatore. Proviamo nuovi automatismi con una zona più aggressiva e meno difensiva. Si iniziano a vedere i primi cambiamenti ma è normale ci voglia del tempo. Abbiamo comunque fatto bene e sono fiducioso ed ottimista per la prossima stagione”.

- La formazione veneziana è rimasta praticamente invariata nel suo roster. Quali gli obiettivi di quest’anno?

”Abbiamo tenuto fede alla strategia dello scorso anno, confermando in massa tutto l’organico, il cosidetto zoccolo duro, e con il solo inserimento di Giulia Pellin. Contiamo inoltre di potere finalmente tornare ad impiegare Maria Carollo, l’anno scorso capocannoniere dopo quattro giornate grazie ad una partenza super, e come lei anche Lucia Dall’Olmo. Entrambe si erano infortunate e ora possono tornare a giocare. Potremmo dire che due nuovi acquisti ce li avevamo già in casa (sorride ndc). Il nostro punto di forza è rappresentato proprio dall’amalgama di un gruppo coeso, che gioca insieme da tempo e si conosce bene”.

- La preparazione procede e tra un paio di settimane l’esordio in campionato...

”Questa settimana procederemo ancora a pieno regime per la preparazione fisica, dalla prossima ci sarà un pò più di scarico e lavoro tecnico. Vorremmo puntare a riconfermare quanto di buono fatto nella passata stagione con il terzo posto in campionato e le final four di Coppa Italia. Dopo vedremo cosa accadrà. Il problema, semmai, è legato alla situazione impianti, ad oggi da sistemare con difficoltà per poterci allenare seriamente. Aspetti non secondari per la gestione di un’intera annata sportiva”.


altre notizie
21/02/2020
Fenice, passaggio a Nord Ovest. Cavaglià: "Ad Asti andiamo [...]
19/02/2020
Fenice, Botosso: "Chiuppano risultato bugiardo, ad Asti [...]
15/02/2020
Una combattiva Fenice si arrende al Chiuppano: a Mestre [...]
10/02/2020
Fenice, la grinta di Molin: "Non molliamo, abbiamo i mezzi [...]
08/02/2020
Azzalin non basta, la Fenice VeneziaMestre si arrende in [...]
07/02/2020
Fenice, mirino puntato sul Città di Massa. Meo: "Vince chi [...]
07/02/2020
Pagana verso Massa: "Vorrei una Fenice efficace in [...]
>> LEGGI TUTTE