SERIE B - 30/05/2016

Martin Fiore lascia l'Italia dopo 15 anni: "E' il momento di tornare"

L'ex bandiera della Brillante e coach del Palombara a metà giugno rientrerà in Argentina: "Qui si è concluso un ciclo di vita, lascio tanti affetti e mi rimetto in gioco a Buenos Aires. Ma non credo che sarà un addio"

Martin Fiore aveva 23 anni quando arrivò in Italia e fu ”adottato” dalla Brillante, che divenne a tutti gli effetti la sua famiglia sportiva e non solo. Quasi 12 anni in campo, due in panchina prima di passare in rossoblu, vestendo prima la maglia della Virtus Palombara e poi diventandone la guida tecnica, conquistando una promozione in serie B e arrivando, lo scorso anno, molto vicino ai playoff nonostante le tante vicissitudini e la rosa cortissima. Dal 2001 ad oggi, è passata una vita. E in questi 15 anni Martin se ne è preso il bello e il brutto, sempre prendendola di petto e sfidandola ad armi pari, come una partita di futsal, o di poker. A carte scoperte. Una vita vissuta come se la sua casa, alla fine, fosse sempre stata questa. Ma conservando intatto il ricordo delle proprie radici, e forse la voglia, un giorno, di tornare dove è nato e cresciuto. Per iniziare un altro capitolo, un altro percorso di una vita che gira su se stessa, e che Martin vuole (ri)cominciare a Buenos Aires.

FIORE – ”Ho sempre detto che ci sono due modi per affrontare la vita in un altro paese – dichiara Fiore – come un argentino che vive in Italia, o come un italiano nato in Argentina. Io ho sempre scelto la seconda, e ho portato avanti questa filosofia ogni giorno. Adesso, però, è arrivato il momento di tornare: probabilmente non avevo mai sentito l’esigenza o neppure ci avevo mai pensato, però mettendo sul piatto la possibilità di tornare nel luogo dove sono nato mi sono reso conto che la voglia era tanta. Ho vissuto tutto al centro per cento, ho scoperto che in Italia ci sono cose fantastiche, bellissime ma anche in Argentina ce ne sono di altrettanto belle. E’ come se avessi avuto sempre con me due hard disk: uno italiano, uno argentino, e quando si accendeva uno si spegneva l’altro. Qui si è esaurito un ciclo, lunghissimo: non solo legato al calcio a 5, alla Brillante o al Palombara, non solo sportivo. Ho pensato tanto, ho valutato, e ora ho deciso: a metà giugno torno in Argentina”.

Nessun contatto, almeno al momento, con altre realtà di futsal.Non è quella la molla, non adesso. ”Non vado a Buenos Aires per fare l’allenatore – sottolinea Fiore – ma sono sicuro che prima o poi capiterà, perché quella è la mia passione e la mia inclinazione e non morirà mai”. Nessuna via di mezzo. Niente tappe intermedie, magari lontano da Roma, magari un po’ più ”vicino” e senza l’oceano di mezzo. ”Ho avuto alcune proposte da altre parti, anche dalla Spagna – confessa Fiore – ma non sarebbe arrivata la risposta a quella che adesso sento come un’esigenza. Avrei dovuto ricominciare sempre da capo, lontano da Roma, dagli affetti e dal mio ’circolo’. Sarebbe stata ancora più dura, e il richiamo dell’Argentina sarebbe rimasto lì, pulsante”. L’aspetto più complicato, adesso, sarà proprio quello di mettersi alle spalle 15 anni di vita, di ricordi, ma soprattutto di persone. ”Se ci penso non so se ce la farò – conclude – qui ho conosciuto persone stupende, che porterò sempre con me. E poi non so cosa accadrà in futuro. Io torno in Argentina, ma poi la vita è una continua sorpresa. Per me la parola sempre ha un significato strano”. Prima di decollare, in ogni caso, il giusto ”tributo”. Niente riflettori, solo il calore e l’affetto di tanti amici. Nell’ultima partitella in ”famiglia”, il 10 giugno. L’ultima di 15 anni. Suerte Martin, e a presto.

Diego Cappelli (Foto Manocchio)


altre notizie
08/04/2016
Thorp, arrivederci Italia: "Tornare? Forse, ora penso al [>>]
01/04/2016
Palombara, nel Fiore degli anni: "Brillante? Gara speciale" [>>]
25/03/2016
Palombara, Tomassetti: oggi e domani. "Ora voglio due [>>]
16/03/2016
Virtus Palombara, Fiore cerca il filotto: "Chiudiamo in [>>]
16/03/2016
E' (sempre) #futsalmercato, Thorp: dal Palombara al Boca [>>]
11/03/2016
Virtus Palombara, Fiore: "Saviano nel caos? Non mi [>>]
09/03/2016
Palombara, Santin: "Sorpresa? Noi siamo sempre [>>]
>> LEGGI TUTTE