SERIE A - 31/07/2016

Flaminia, tra campo e società: parlano Bresciani e il preparatore Rondina

Il vicepresidente: "Abbiamo fatto un altro passo per migliorare ed allargare questa famiglia. Auguro a tutte le ragazze di impegnarsi e divertirsi, per arrivare a fine stagione senza rimpianti. I risultati sicuramente verranno"

La Flaminia 2016/2017 sta prendendo, giorno dopo giorno, la giusta forma per disputare una stagione competitiva su tutti i fronti. Dopo le novità svelate dal Presidente Grandicelli, che ha parlato circa le novità che interesseranno la società e il mercato della prima squadra, c’è tanta voglia di fare per preparare le squadre in virtù delle diverse categorie che affronteranno. A supporto della causa Flaminia, anche quest’anno in prima linea il vice-presidente Matteo Bresciani, che si dice pronto per il nuovo capitolo della sua avventura da dirigente Flaminia che sta per cominciare: ”La società come ogni anno cerca sempre di fare e di dare il meglio. Ci sono alti e bassi come in ogni famiglia, ma il nostro obiettivo è quello di lavorare in sinergia per il bene comune. Quest’anno abbiamo fatto un altro passo per migliorare ed allargare questa famiglia, con gente seria e appassionata. Spero in una stagione dove tutti diano il massimo per la Flaminia e non per sé stessi. Solo così si può crescere e fare progetti a lungo termine. Auguro a tutte le ragazze, e da quest’anno anche ai ragazzi, di impegnarsi e divertirsi, per arrivare a fine stagione senza rimpianti. I risultati sicuramente verranno”. Dopo un anno disputato tra le grandi del futsal italiano, la Flaminia è pronta a ripetersi sotto la guida tecnica di Alessandra Imbriani e del suo staff. In prima linea Marco Rondina, preparatore dei portieri della prima squadra, che da metà Agosto sarà già a lavoro per ritrovare il ritmo dovo il periodo estivo di pausa dai campi di calcio a 5. Rondina spiega: ”Gli obiettivi iniziali rimangono sempre gli stessi, vogliamo raccogliere punti salvezza nel minor tempo possibile. Un anno in Serie A nazionale ha lasciato sicuramente nel gruppo un buon bagaglio di esperienza. Ma questo non deve montarci certo la testa. Per combattere contro squadre più esperte, o che si sono maggiormente rinforzate, è fondamentare rimanese umili e lavorare a testa bassa. Se sarà così, ci toglieremo sicuramente qualche soddisfazione in più. Da ex giocatore – svela Marco Rondina – mi spaventava iniziare la preparazione estiva. Occorre lavorare sodo, la preparazione estiva non è importante, è fondamentale. Saranno giorni di duro lavoro e sacrificio, utili però durante la stagione, soprattutto nel mese di febbraio, quando effettivamente si capisce che gli sforzi estivi sono serviti seriamente. Saremo pronti per la nuova stagione, per affrontare squadre con giocatrici dalla mentalità da professioniste. Tattica e tecnica non basta, occorre sovrastarle anche fisicamente. Su questo, Mister Imbriani è un pozzo di conoscenza senza fondo. Farà un ottimo lavoro”.


altre notizie
26/10/2015
La Flaminia si sblocca, 4-0 al Decima. E domenica c'è [>>]
19/10/2015
Flaminia ancora a mani vuote, Albanesi: "Il tempo delle [>>]
13/10/2015
Flaminia, la porta è stregata. Albanesi: "Numeri che [>>]
09/10/2015
La Flaminia pensa in Grandicelli: "Alla lunga verrà fuori [>>]
06/10/2015
Flaminia, l'avventura in serie A parte col piede [>>]
01/10/2015
Flaminia, Tazzari promossa in prima squadra: "Cercherò di [>>]
28/09/2015
La Flaminia brilla ancora in precampionato: Mader e [>>]
>> LEGGI TUTTE