VARIE - 04/03/2020

Emergenza sanitaria, la decisione del Governo: "porte chiuse" fino al 3 aprile!

Arrivata l'ufficialità: oltre alla chiusura totale delle scuole e delle Università fino al 15 marzo prossimo, tra i provvedimenti della presidenza del Consiglio dei Ministri figura l'impedimento, a livello nazionale, di assistere a tutti gli eventi agonistici per un mese IL DECRETO

Non solo questo e il prossimo fine settimana, ma un mese intero di partite a porte chiuse. E’ questa la strada che il Governo italiano sembrerebbe aver imboccato, visti anche i pareri del comitato scientifico voluto dal presidente Conte per affrontare e frenare l’emergenza coronavirus e la sua diffusione sul territorio. Proprio in queste ore da Palazzo Chigi dovrebbero arrivare le prime conferme in tal senso. A quel punto, se dovesse essere confermata la disposizione generale, spetterà alla Lega Nazionale Dilettanti - e di conseguenza alla Divisione Calcio a Cinque - adattarsi alle linee guida e disporre la disputa senza pubblico delle gare in programma nei prossimi trenta giorni.

Con l’incognita che la situazione complessiva verrà rivalutata dopo quindici giorni. Il grosso rischio, però, riguarda le finali di Coppa Italia, su tutte la Final Eight di fine marzo in Emilia Romagna. Perché se è vero che tra quindici giorni la situazione potrebbe essersi normalizzata, nel frattempo alla Divisione spetterà la rischiosa decisione se attendere quella data o rinviare del tutto l’evento. E poi, a cascata, tutte le altre manifestazioni previste.  

Solleva una certa perplessità la tempestività di tali iniziative. Sarebbe servita sin da subito fermezza e risolutezza, come invocato da più di qualcuno? Probabilmente si, visto che adesso si sta cercando di correre ai ripari. 


SEGUONO AGGIORNAMENTI

Ore 14, PRIME CONFERME. Si va verso la disputa degli incontri a porte chiuse. Ad anticipare le decisioni del Governo (solo in serata l’ufficialità) è il ministro Spadafora, il quale intervenuto in merito alla questione ”calcio” ha delineato il modus operandi da seguire: nessun blocco permanente, dunque, ma la presenza di pubblico agli incontri per il momento è da escludere. Ed è questa la strada tracciata. Resta da capire ora se tali disposizioni varranno per un mese a partire da oggi o per un periodo inferiore. 

Ore 19.30. A quanto pare nel decreto di imminente uscita ci sarebbe la disposizione, come dicevamo, di disputare tutte le gare senza la presenza del pubblico. Contrariamente a quanto trapelato in mattinata, però, tale disposizione avrà effetto da domani fino al 15 marzo prossimo. Attività totalmente sospesa nelle aree interdette, ossia quelle della lodigiana focolaio dei contagi in Lombardia, è quella di Vò, in Veneto

(CLICCA QUI PER LA BOZZA DEL NUOVO DECRETO DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI) 

 

Ore 20.20. Gazzetta.it si sbilancia e parla dell’ufficialità del decreto (che ancora non risulta firmato) e sottolinea i passaggi cruciali nella sua pagina di copertina. Si legge testualmente:

”Sono sospesi altresì gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato; resta comunque consentito, nei comuni diversi da quelli di cui all’allegato 1 al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 1° marzo 2020, e successive modificazioni, lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento degli atleti agonisti, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico; in tutti tali casi, le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano. Lo sport di base e le attività motorie in genere, svolte all’aperto ovvero all’interno di palestre, piscine e centri sportivi di ogni tipo, sono ammessi esclusivamente a condizione che sia possibile consentire il rispetto della raccomandazione di cui all’allegato 1, lettera d)”.

All’art 4, comma 1, si può leggere:

”Le disposizioni del presente decreto producono il loro effetto dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sono efficaci, salve diverse previsioni contenute nelle singole misure, fino al 3 aprile 2020”.

 

Ore 22.50, c’è l’ufficialità. Confermato quanto riportato sopra, si giocherà senza pubblico fino al 3 aprile. CLICCA QUI per la nota ufficiale


  SERIE A - 21/05/2020
Un talento sul #futsalmercato, Fernando Silveira: "Pronto a tornare in Italia"

L'ex IC Futsal e Salinis, rientrato in Brasile lo scorso anno, valuta un ritorno: "Se trovassi un progetto per cui varrebbe la pena lasciare il mio paese sicuramente lo farei. Oggi sono più forte, tecnicamente e fisicamente, rispetto al passato. Voglio misurarmi nella Serie A"

[...]
  VARIE - 15/05/2020
Attendendo la fine del campionati... quali novità si annunciano per il futuro?

Consiglio Federale (il 20 maggio), Consiglio di Lega (il 22) e Consiglio Direttivo (il 25) definiranno finalmente la stagione del Coronavirus. E per la prossima cosa bolle in pentola? Serie A a 20 squadre e due gironi? L'Italia dell'A2 divisa in quattro. Il grande rebus di B e C

[...]
area rosa
  VARIE - 15/05/2020
La stagione d'oro della Virtus Romagna: debutto da applausi in A2

Il club riminese è stato fermato dall'emergenza-Coronavirus quand'era secondo a tre punti dal Capena capolista. Il plauso doveroso all'allenatrice Alessandra Imbriani e a tutte le quindici giocatrici della rosa

  SERIE B - 13/05/2020
Il Cavezzo aspetta novità. Bavutti: "Sarà un anno difficile, ma saremo presenti"

Il presidente modenese ammette che le difficoltà nella ricerca delle risorse non mancano. "Ma sono una persona ambiziosa, ho voluto io fare la Serie B. Gli sponsor hanno dato rassicurazioni. Mister e giocatori? Voglio che restino ma le condizioni saranno diverse"

[...]
  SERIE B - 18/05/2020
#futsalmercato, la Pro Patria conferma Lorenzo Greco e lo staff tecnico e medico

Il sodalizio di Umberto Dondi ci sarà ai nastri di partenza del prossimo campionato cadetto. Nessuna novità in panchina, anche il quadro dei collaboratori resta invariato. Il ds Vincenzi: "Puntiamo a tenere la rosa in blocco, operando due o tre innesti"

[...]
altre notizie
   VARIE - 26/03/2020
   VARIE - 21/03/2020
   SERIE U19 - 29/01/2020
   SERIE C1 - 19/01/2020
   SERIE C1 - 08/11/2019
   SERIE C1 - 04/11/2019
   SERIE C1 - 28/10/2019
   SERIE B - 05/04/2019
   SERIE B - 16/03/2019
   SERIE C1 - 06/02/2019
   SERIE C1 - 04/01/2019
   SERIE B - 16/12/2018
top news
>> LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
in collaborazione con Apri Collaborazioni