SERIE B - 18/07/2017

Gymnastic, Kitò Ferreira già pazzo di Fondi: "Città che respira lo sport"

Il tecnico portoghese, che da qualche giorno ha raggiunto la sua nuova "casa", si concede alla prima intervista "italiana": "E' mio dovere far crescere tutti i giocatori, anche umanamente. Gli obiettivi? Li tracceremo giorno dopo giorno, così si punta in alto"

Prima intervista per il nuovo mister della Gymnastic Fondi, il portoghese Kitò Ferreira, che sta per iniziare la sua prima esperienza fuori dal Portogallo. Benvenuto mister, come si sente nell’affrontare questa nuova avventura in terra italiana? Prova qualche particolare emozione?
”Per me è molto importante il prossimo anno come allenatore di calcio a 5, è la mia prima esperienza fuori dal Portogallo, in un paese con un’antica tradizione di futsal come l’Italia. Non vedo l’ora di iniziare a lavorare per sentire ancor più motivazione dentro di me”.

E’arrivato da qualche giorno a Fondi, come le sembra la città?
”Sì sono venuto a Fondi questa settimana e ho notato una città tranquilla con molte persone simpatiche, una città che respira lo sport, amo la bellezza di Fondi”.

Metterà tutta la sua esperienza a disposizione della squadra, cosa ha da consigliare sia a professionisti che agli atleti locali?
”Ciò che io voglio fare è quello di mettere la mia esperienza al servizio del club per aiutare tutti, è mio dovere far crescere tutti i giocatori tecnicamente e tatticamente, ma anche da un punto di vista umano, perché per me la vita e lo sport si mescolano, il mio lavoro come allenatore è quello di migliorare e preparare i miei giocatori sotto tutti gli aspetti”.

Tra le tante esperienze da allenatore, ce n’è qualcuna che più delle altre lo ha segnato?
”Ogni esperienza mi ha lasciato qualcosa di diverso, ogni esperienza è stata utile alla mia carriera, ho difficoltà a sceglierne una su tutte”.

Secondo lei, durante gli allenamenti e in partita, che atteggiamento devono avere i suoi giocatori?
”Ci sono valori e principi fondamentali nel costruire una squadra, per me nello sport non esiste italiano, portoghese o brasiliano, esiste una squadra, in questo caso la Gymnastic Studio Futsal, e tutti devono avere lo stesso atteggiamento finalizzato a raggiungere determinati obiettivi”.

Quali obiettivi vuole raggiungere con la Gymnastic Studio Futsal?
”Gli obiettivi devono essere obiettivi quotidiani, la mentalità deve portare al miglioramento giorno dopo giorno, partita dopo partita, su questi principi si costruisce una squadra vincente”.

Per chiudere l’intervista, le chiediamo cosa la porta ad amare questo sport.
”Voglio prendere questa intervista per ringraziare pubblicamente il Presidente Emiliano Biasillio, il direttore sportivo Maurizio Bianchi, il direttore Antonio Sepe e tutto lo staff del club, tutto il popolo di Fondi che in una settimana mi hanno fatto già sentire uno di casa, un fondano. Sono queste le cose e i valori umani che mi fanno amare il calcio e lo sport”.

Ufficio Stampa Gymnastic Studio Futsal Fondi


altre notizie
17/07/2017
Nuninho giura fedeltà alla Gymnastic: "Darò il massimo [>>]
14/07/2017
#futsalmercato, Nuninho si lega alla Gymnastic per il terzo [>>]
11/07/2017
#futsalmercato, Gymnastic a passo di samba: è fatta per [>>]
08/07/2017
La Gymnastic ha ancora appetito, Bianchi: "Il mercato? Non [>>]
06/07/2017
Gymnastic, partono gli stage del settore giovanile [>>]
28/06/2017
Orsi e la Gymnastic (ri)trovano l'accordo: il [>>]
26/06/2017
#futsalmercato, casa dolce casa: Teseo e Pannozzo tornano [>>]
>> LEGGI TUTTE