SERIE B - 24/11/2017

Real Rogit, xxxxxxxxxxxxxxxx

xxxxxxxxxxx

Con i suoi gol realizzati nelle ultime due giornate è riuscito a ravvivare la squadra, risultando determinante nel risollevare il Real Rogit in classifica, centrando due preziosi successi. Nato e cresciuto a Lisbona, è la bandiera e il trascinatore della squadra dei fratelli Converso: diamo il giusto omaggio al bomber Paulo Major Da Silva, classe 1991, cuore e anima dei biancoblu, elemento di esperienza e punto di riferimento della rosa, giocatore in possesso di un indiscusso bagaglio tecnico, oltre la media nella categoria. E su di lui che mister Leo Tuoto si gioca le principali carte in vista della supersfida con la Farmacia Centrale Paola, autentico snodo del campionato del Real Rogit.
Ma chi è Paulo Major? E’ lo stesso giocatore portoghese a raccontarci la sua carriera.
”Da piccolo giocavo nella A.C.O., a Lisbona. A sedici anni ho lasciato la mia famiglia e ho iniziato la mia esperienza nel Belenenses dove mi sono formato. Quando sono arrivato in Italia ho lasciato il calcio per andare a lavorare. Dopo tre mesi sono ritornato in Portogallo, per andare a giocare in Serie B ma dopo tre giornate ho fatto un salto di qualità, ho firmato con il Loures FC di A. Dopo due anni mi sono trasferito alla Luparense e dopo all’Arzignano, vivendo un anno da protagonista, risultando il miglior marcatore”.
- Essere un protagonista del Rogit è più un onore o una responsabilità?
”Essere uno degli elementi di punta del Rogit è sia un onore, una seconda pelle per un ragazzo di questo paese, la realizzazione di un sogno che fai sin da bambino, oltre che responsabilità, perché sei l’emblema delle sconfitte e delle vittorie, perché magari sei sempre il primo a metterci la faccia. Ma su questo aspetto non ho mai avuto problemi nell’affrontare a viso aperto tutto e tutti”.
- Sei stato decisivo con il tuo ingresso in campo negli ultimi due incontri siglando due grandi gol. Riesci a dare il meglio subentrando dalla panchina, ti ha dato più motivazione?
”Io dò sempre il massimo per questa maglia, rispetto sempre le scelte di mister Tuoto, sia se parta dal primo minuto o subentro in corso di gara; l’importante è dare sempre tutto per questo paese perché meriterebbe di figurare in altri palcoscenici, possibilmente facendo gol, un obbligo per il mio mestiere, abituato a segnare da tanti anni ormai”.
- Sabato c’è il big-match con il Paola, un crocevia per gli obiettivi stagionali del Real Rogit....
”Il mio obiettivo è indubbiamente portare il Real Rogit nei campionati che gli appartengono perchè questa non può essere la categoria che spetta ad una società che sarebbe bello portare in A e credo che questo mio pensiero sia condiviso anche dal gruppo. Abbiamo una bella rosa, forse una delle più complete da quando gioco, esistono tutti i presupposti per fare bene, bisogna solo lavorare tanto e dare il massimo, soprattutto in partite così importanti come quella con il Paola”.


altre notizie
15/11/2017
Real Rogit di misura sulla Futura, Converso: "C'è [>>]
10/11/2017
Real Rogit, Cividini: "Voglio regalare una gioia al [>>]
03/11/2017
Real Rogit, Tuoto avvisa i suoi: "Servono punti per [>>]
01/11/2017
Real Rogit, Milito: "Col Real Parco una vittoria che ci dà [>>]
28/10/2017
La grinta di Cofone: "Farò di tutto per portare in alto il [>>]
24/10/2017
Cividini avvisa il Real Rogit: "Dobbiamo restare [>>]
23/10/2017
Real Rogit, Amodeo e Visciglia "salutano" il gruppo per [>>]
>> LEGGI TUTTE