SERIE C1 - 14/04/2018

Casara al cubo esalta lo United Rossano e infrange i sogni del Calcio Padova

Il bomber implacabile nella semifinale dei play-off giocata alla Gozzano: suo il vantaggio vincentino nel primo tempo, sua la doppietta che vanifica la zampata di Crepaldi e spedisce la squadra di Simionato alla finale di venerdì 20 a Sedico

Si è svolta davanti a 300 spettatori la semifinale play off di Serie C1. Calcio Padova e Rossano si sono incontrate per la quarta volta in stagione, con i precedenti match tra i due club che hanno sempre testimoniato un grande equilibrio tra i roster di coach Rodriguez e Simionato.
LA CRONACA - Parte meglio il Rossano che non subisce minimamente l’effetto ambientale di un PalaGozzano strapieno e rumoroso. Sono i vicentini a macinare gioco, costringendo un Padova un po’ remissivo a limitarsi alla fase difensiva. La prima vera occasione del match capita a Casara, poi MVP, che devia di testa di poco fuori. Si svegliano i biancoscudati dopo il primo pericolo e la manovra comincia a trovare concretezza negli ultimi dieci metri: Carraro riconquista un pallone a metà campo e dopo la transizione calcia di poco fuori ad incrociare. Nell’azione successiva Crepaldi rischia l’autorete e sugli sviluppi di un possesso prolungato Baù calcia a lato di Feverati. Palla d’oro per Tchamesse che al 6’30” colpisce in pieno l’estremo difensore ospite in uscita, bravo a chiudere ogni spazio anche su Griggio, pericoloso poco dopo. L’under biancoscudato è l’unico in grado di rompere la prima linea difensiva e creare superiorità: a metà del primo tempo Biasuzzi è costretto al fallo tattico e atterra Tchamesse in ripartenza, giallo per lui. All’11’50” arriva il vantaggio del Rossano: Celin gestisce male un possesso e Casara è bravo ad intercettare e anticipare l’uscita di Feverati di punta. L’occasione più ghiotta per il pari capita sui piedi di Meggiorin che calcia a lato un classico ”rigore in movimento” dai sette metri, con la difesa ospite che aveva lasciato il patavino colpevolmente solo. Si va così al riposo con il Rossano in vantaggio ma un secondo tempo apertissimo da giocare.
Nella ripresa, il Padova prova in tutte le maniere a trovare il pari: possiamo parlare di un vero e proprio forcing dal primo al quindicesimo minuto in cui il giro-palla biancoscudato crea qualche grattacapo alla ottima difesa rossanese ma non sortisce il tanto sperato pari: Crepaldi e Tchamesse non inquadrano lo specchio mentre i palloni migliori capitano sui piedi di Rasula e Paperini ma il parziale non si sblocca. E’ invece il Rossano a trovare il 2-0, sempre con Casara, che da centro area colpisce in rete una palla giocata su di lui direttamente da calcio d’angolo. Rodriguez inserisce il portiere di movimento e venti secondi dopo lo 0-2 Crepaldi accorcia. A 42 secondi dal termine però è ancora Casara ad insaccare a porta vuota per il definitivo 1-3 che spegne i sogni del Padova e manda in estasi il Rossano.
COSI’ IN FINALE – Con il successo di ieri sera, sarà dunque lo United Rossano ad affrontare nella finale dei playoff, in programma venerdì 20 aprile, il Kanguro Sedico: appuntamento alle ore 21,30 sul campo dei dolomitici, che gioveranno della possibilità di giocare in casa avendo chiuso la stagione regolare al secondo posto. Il regolamento prevede che, nel caso di parità al termine dei tempi ordinari, vengano disputati due tempi supplementari di cinque minuti ciascuno e qualora la parità continuasse a persistere si procederà all’esecuzione dei calci di rigore per decretare la formazione che rappresenterà il Veneto nella fase nazionale per l’assegnazione degli ultimi quattro posti nel campionato nazionale di Serie B 2018/2019.

a.r.


altre notizie
14/04/2018
#RoadtoSerieA2: a Brendola non si gioca solo per la corona [>>]
13/04/2018
Casara superstar, tris d'autore alla Gozzano: Rossano [>>]
13/04/2018
Rossano vuole continuare a sognare, Simionato: "Col Padova [>>]
05/04/2018
Rossano in corsa per il quarto posto, Simionato: "Ce la [>>]
15/03/2018
United Rossano, Casara: "Inutile piangerci addosso, [>>]
15/03/2018
Rossano, tanta voglia di crescere. Trojetto: "Non vogliamo [>>]
08/02/2018
Rossano scaccia i fantasmi, Tessarolo: "Crediamo ancora ai [>>]
>> LEGGI TUTTE