NAZIONALE - 02/02/2019

ItalFutsal nel segno di Romano: "Dobbiamo riuscire ad essere una cosa sola"

L'Azzurro si racconta dopo la prima uscita della Nazionale: "L'obiettivo deve essere quello di ricreare un gruppo solito, unito e con la stessa idea in testa. Io senatore? Sono maturato, mi sento di aiutare chi magari è all'inizio e per me è motivo di orgoglio"

Centododici presenze, e non sentirle. Il Sergio Romano che si affaccia alla nuova era della Nazionale Italiana Futsal, targata Alessio Musti, negli anni è cresciuto e maturato, diventando un punto di riferimento per l’intero movimento italiano ma l’entusiasmo e la voglia sono gli stessi della prima volta. In fondo per la selezione azzurra che scenderà in campo il prossimo 4 e 5 febbraio contro la Romania, questo sa tanto di nuovo inizio.

”Indubbiamente la novità si percepisce, sul piano puramente tecnico quando una squadra è gestita in un certo modo per tanti anni e poi cambia è normale riscontrare aria nuova - ammette il punto di riferimento della Feldi –. In linea generale, però, è talmente particolare la Nazionale, con un suo percorso centenario alle spalle, che venendo prima di tutto e tutti ha una sua costanza. Ad ogni modo, personalmente non mi sento di rinnegare quanto di buono è stato fatto in passato quindi ritengo ci sia il giusto mix tra vecchio e nuovo”.

Riscattare quatto anni da dimenticare. ”Beh a livello di risultati, che è quello che conta nello sport, sono stati anni fallimentari. Ed è anche normale, a quel punto, lo stato di scontento generale. Ritengo che a volte però, le critiche siano state eccessive perché rivolte a chi andava in giro per il mondo a rappresentare l’Italia e posso garantire che veniva fatto sempre col massimo impegno. Ovviamente non bastava perché i risultati non sono stati buoni, quindi le critiche ci stanno: chi fa sport sa che deve fare i conti anche con questo”.

Obiettivo minimo. ”A breve termine quello di ricreare un gruppo solido, un gruppo di lavoro unito e con la stessa idea in testa. Non è questo il momento per fare valutazioni sul livello della Nazionale: dobbiamo riuscire ad essere una cosa sola, ogni partita. A breve-medio termine ci sono le qualificazioni al Mondiale e dovremo dare il massimo per andare avanti. Bisogna lavorare sul tempo, allenamento dopo allenamento”.

Il peso della storia. ”Se mi sento un punto fermo? In parte sì. Quando ci ritroviamo a tavolo io, Marco (Ercolessi, ndr) e Stefano (Mammarella, ndr) magari capita che ci raccontiamo aneddoti e iniziamo a dirci che quel determinato episodio non era capitato cinque anni prima ma sei o sette e insomma in quel momento percepisci che è passato davvero tanto tempo. Ma questo mi riempie davvero di orgoglio, per me la Nazionale è sempre stata tutto. In questi anni ovviamente sono maturato e mi sento più responsabile, mi viene naturale aiutare chi magari è alle prime esperienze ed è più emozionato. Un po’ quello che ho passato io quando sono arrivato: adesso tocca a me ed è davvero motivo di orgoglio”.

 

credit FIGC/Getty


  SERIE B - 25/04/2019
Fuorigrotta, è sempre festa per Perugino: "L'anno prossimo ci divertiremo"

Il patron partenopeo non ha ancora smaltito l'effetto della promozione, ringrazia Magalhaes per il contributo tecnico e getta uno sguardo al futuro. "Prima giochiamo l'ultima partita a Molfetta, poi metteremo a punto la strategia per la nuova annata in A2"

[...]
  SERIE B - 23/04/2019
L'Alma Salerno alla ricerca del punto della sopravvivenza... prima del Foligno

Ultimo atto di "regular season" al PalaTulimieri contro la Junior Domitia: basta il pari per accedere al playout contro gli umbri, giunti penultimi nel girone E. Il presidente Bianchini: "Abbiamo tutte le carte in regola per raggiungere l'obiettivo minimo"

[...]
area rosa
  SERIE A2 - 24/03/2019
La Virtus Ragusa scatenata nell'anticipo, il Noci prepara la festa?

12-0 delle iblee sul Frosinone, rafforzato il primato nel girone C. Nel gruppo D potrebbe essere la giornata della promozione per la New Team, ma la Salernitana deve battere il Molfetta. Al Nord il Tombolo a Cremona IL PROGRAMMA

  SERIE A - 22/04/2019
Feldi, Cipolla in stand-by: "Pensiamo a rilassarci prima delle sfide decisive"

Chiusa la "regular season" con la vittoria sull'Arzignano, il tecnico ebolitano ha concesso un piccolo break ai suoi giocatori: "Da martedì, quanto torneremo a lavorare, pensaremo al Real Rieti: partiamo sfavoriti ma non lasceremo nulla di intentato"

[...]
  SERIE A - 20/04/2019
Missione compiuta: Napoli quarto, nei play-off è sfida alla Meta Catania

Gli azzurri di Marin espugnano di misura il PalaDosson e chiudono la regular season in quarta posizione. Rubio e Cesaroni aprono poi la reazione dei trevigiani con Bellomo e Igor ma nel finale la decide Dimas: 2-3 al triplice fischio

[...]
altre notizie
   SERIE C1 - 10/03/2019
   GIOVANILI - 17/01/2019
   SERIE C1 - 09/12/2018
   SERIE C1 - 25/11/2018
   SERIE C1 - 23/11/2018
   SERIE C1 - 23/09/2018
   SERIE C1 - 15/09/2018
   SERIE C1 - 14/09/2018
   SERIE C1 - 03/09/2018
   SERIE C1 - 30/08/2018
   SERIE C1 - 29/08/2018
   SERIE C1 - 06/08/2018
top news
>> LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
in collaborazione con Apri Collaborazioni