SERIE C1 - 14/03/2019

Calcio Padova, Candeo vuole scacciare la crisi: "Non siamo da retrocessione"

Solo sei i punti conquistati dai biancoscudati nel ritorno: "Forse nella prima parte abbiamo fatto più di quanto era nelle nostre corde. Inutile nasconderlo, non riusciamo più a difendere come si deve ed in fase offensiva siamo poco incisivi"

La sconfitta senza appello nel derby con la Gifema segna probabilmente il punto più basso della stagione del Calcio Padova, a tratti irriconoscibile rispetto a quello del girone di andata. Solo sei i punti conquistati nel ritorno, che hanno fatto precipitare i bianco scudati dal primo al sesto posto.

”Se avessi capito i problemi di tale crollo li avrei già risolti – ammette coach Candeo -. Ho parlato con i ragazzi, ho provato con lo staff a cambiare metodologia di lavoro, insomma quello che secondo me non andava ho tentato di correggerlo, ora l’unica cosa che posso chiedere al gruppo è di dimostrare di non essere una squadra da retrocessione come dicono i punti che abbiamo conseguito nel girone di ritorno: non ho problemi ad affermare che se tutto questo si fosse verificato nella prima parte di stagione sarebbe stato da cambio di allenatore”.

- La scorsa settimana ha detto che il Padova nel girone d’andata forse è stata la vera sorpresa del campionato.
”Continuo a pensarlo, abbiamo fatto probabilmente più di quanto era nelle nostre corde e le energie spese a livello mentale sono state molte, in quest’ottica potrebbero rientrare anche i numerosi infortuni che abbiamo patito i quali, di conseguenza, hanno messo in difficoltà tutta la squadra e limitato le mie scelte. Poi ha influito senza dubbio anche la finale di Coppa Italia, ammetto che ci ha tolto diverse certezze, inutile nasconderlo, non riusciamo più a difendere come si deve ed in fase offensiva siamo poco incisivi”.

In sostanza una situazione dovuta ad un insieme di fattori concatenati.
”Indubbiamente. Le dinamiche di gruppo a volte possono risultare complesse e di difficile comprensione, ci sarà anche un incontro in settimana con il presidente e vedremo se smuoverà un poco le acque. Magari più di qualcuno si era illuso che il Padova potesse stare davanti a tutti, forse però il vero valore della squadra si attesta leggermente più in basso della prima piazza, anche se adesso siamo addirittura fuori dalla zona play-off. Ecco, per gli ultimi quattro incontri non chiedo nulla ai ragazzi se non di dimostrare di meritare le prime posizioni”.


altre notizie
02/05/2019
Paperini promuove Facchinelli: "E' l'allenatore [...]
22/04/2019
Il Calcio Padova ha fatto la sua scelta: la prima squadra a [...]
18/04/2019
E' già #futsalmercato: Antonio Candeo non è più [...]
04/04/2019
Calcio Padova, Candeo: "Vogliamo finire in maniera [...]
28/03/2019
Arisi deluso: "Recuperare lo spirito del Calcio Padova la [...]
07/03/2019
Padova, sfida cruciale con la Gifema Diavoli. Varotto: "Non [...]
03/03/2019
Il Padova si ferma ad Arzignano: anche i playoff sono [...]
>> LEGGI TUTTE