SERIE C1 - 10/04/2019

Nervesa, Regondi è tranquillo: "La Gifema? I ragazzi sanno quello che voglio"

L'Atletico si prepara ad ospitare la sfida secca dei playoff con i patavini. L'allenatore non sembra preoccupato: "Durante la stagione ne abbiamo passate di tutti i colori. Spero solo che i ragazzi si divertano come fatto molte altre volte nel corso dell'anno"

Se c’è un elemento che ha inciso sulla stagione, la prima in C1, dell’Atletico Nervesa è tacito affermare che l’arrivo di Gigi Regondi in panchina ha cambiato volto alla squadra trevigiana. Quali sono stati i segreti di questa ”rivoluzione”?
”Nessun segreto - risponde secco Regondi. - Solo il lavoro e la costanza, che sono ingredienti fondamentali per qualsiasi cosa si voglia fare a buoni livelli. Ho avuto la fortuna di trovare la disponibilità da parte di società e staff, e questo mi ha permesso di lavorare con tranquillità”.
- Il terzo posto finale è stato frutto prima di una strepitosa rimonta, poi anche del comportamento dei tuoi giocatori che, nonostante le difficoltà, hanno fatto quadrato diventando più forti delle avversità.
”Il terzo posto è in realtà un premio a tutti gli sforzi che abbiamo fatto come squadra. Di momenti duri ce ne sono stati molti, da tempo ci alleniamo in pochissimi e chi ha abbandonato la barca per vari motivi ci ha messo in grave difficoltà. Ma la squadra è rimasta sempre compatta e ha sempre dato il centodieci per cento, sia in allenamento che in partita. Vedere la voglia di venire ad allenarsi nonostante le difficoltà è stato di grande stimolo anche per me, e tutti ci abbiamo messo quel qualcosa in più per... divertirci fino alla fine”.
- Nel primo turno dei playoff ospitate la Gifema. In campionato avete vinto ambedue gli scontri diretti ma venerdì le cose ritieni che cambieranno trattandosi di una partita secca? Cosa chiederai ai tuoi giocatori per superare anche questo ennesimo ostacolo?
”Chiederò la giusta attenzione, il rispetto di un avversario che è stato costruito per vincere il campionato è che verrà in casa nostra per far sua la partita più importante della stagione. I giocatori ormai sanno quello che voglio, spero solo si divertano come hanno fatto molte altre volte questa stagione. Come dico sempre, andare a cena dopo la gara con il sorriso stampato in faccia è molto più salutare...”.


altre notizie
08/12/2019
Leandrinho, è subito show-time: l'Atletico Nervesa [...]
05/12/2019
Una (super) Anteprima diventa ufficialità: Leandrinho è [...]
05/12/2019
Nervesa, Regondi fa la conta degli assenti: "Con il Sedico [...]
04/12/2019
L'Atletico Nervesa più vicino a Leandrinho: si attende [...]
01/12/2019
Carattere e cinismo, il Nervesa fa suo il match: [...]
28/11/2019
Decrescenzo bacchetta il Nervesa: "A Udine in campo non [...]
26/11/2019
Atletico Nervesa, Parolin su tutte le furie: "A Udine [...]
>> LEGGI TUTTE