SERIE C1 - 21/02/2019

Montecchio in deriva, il dg Valerio richiama i suoi: "Reagiamo immediatamente"

La squadra di mister Caile è al penultimo posto in classifica e rischia la retrocessione. "Dobbiamo darci una svegliata prima che finisce male - sottolinea il primo dirigente -. Mi assumo le responsabilità di questa situazione: errori di valutazioni in estate" 

La débâcle di Rossano ha lasciato non pochi strascichi negativi in casa di un Montecchio che non riesce a togliersi dalla zona rossa, anzi, ci sprofonda ancora di più dopo il 10-1 al passivo contro la neo-capolista. Umore sotto i tacchi e una classifica che vede i castellani a meno cinque dalla zona play-out, con l’obbligo morale e in campo di trovare la via dei tre punti nella sfida di venerdì al PalaCosaro contro la Tiemme Grangiorgione, attualmente salva ma comunque in pericolo play-out.

Lotta salvezza come un derby coi cugini dello Schio, quali le differenze?”La differenza è una sola: l’unità di intenti – dice il dg Franco Valerio -. Lo Schio ha un solo obiettivo in testa per ogni singolo giocatore e si chiama lotta per la salvezza. In noi, invece, c’è molta confusione e sembra che alcuni dei nostri ragazzi abbiano perso la sicurezza nei propri mezzi e, soprattutto, la voglia di lottare fino alla fine. C’è bisogno di ritmo, energia e vitalità. Qualcuno una volta ha detto che occorre dividere una gara in tre parti: correre la prima con la testa, la seconda con la personalità e la terza con il cuore. Ecco, per descrivere bene la stagione che stiamo facendo, a volte non abbiamo nè testa, nè personalità, e tante volte nemmeno il cuore”.
-
Mister Caile in pericolo? ”Andrea non è in pericolo. E’ il Montecchio Futsal intero ad esserlo. Sono io come direttore generale che mi assumo la responsabilità di questa situazione, almeno per la stagione del maschile, considerando che dalla squadra femminile le soddisfazioni sono arrivate e continuano ad arrivarne. Non si tratta di colpe di mister Caile ora, come nemmeno di mister Fumarola prima, si tratta di una errata valutazione e programmazione fatta questa estate. Il Montecchio merita più attenzione e considerazione, e un esame di coscienza deve essere fatto da ogni singolo componente. E’ ciò che facciamo che ci definisce, ma è vero anche che non è importante ciò che fai, ma quanto amore e passione ci metti in quello che fai”.

 


altre notizie
11/09/2019
Colpo grosso del Montecchio: arriva l'ex Breganze [...]
04/04/2019
Montecchio, c'è amarezza per la retrocessione in C2. [...]
21/03/2019
Montecchio, Facchin: "Una stagione che dobbiamo terminare [...]
07/03/2019
Montecchio, sfida complicata al Giorgione. Saccani: [...]
27/02/2019
Montecchio, personalità e cuore non sono bastati: pari [...]
07/02/2019
Montecchio, devi reagire. La Malfa: "Vogliamo ritrovare il [...]
31/01/2019
Montecchio, il primo hurrà di Caile: "Bravi ragazzi, hanno [...]
>> LEGGI TUTTE