SERIE B - 08/12/2019

Carbognano, derby pazzo: remuntada Terracina e cimini beffati, finisce 7-7

Finale rocambolesco con il quintetto di Olleia che ci crede e raggiunge il pari a 14'' dalla fine. La squadra di casa è sempre stata in vantaggio ed ha trovato la via del gol grazie alla tripletta di Nunzi, alla doppietta di Galanti ed alle reti di Morandi e di Bernal

Partita al cardiopalma ed incredibile al ”Palacus” di Viterbo. Nella 10° giornata di campionato di serie B, tra Carbognano e Terracina finisce in pareggio, 7-7, al termine di una gara che è stata davvero pazza ed emozionante.

Un Carbognano che ha da recriminare e rammaricarsi, visto il triplo vantaggio a 2’ minuti effettivi dal termine, ma che allo stesso tempo può prendersi un punto in più in classifica che muove ancora un ulteriore passo di distanza dalla zona calda del campionato (viste le sconfitte delle ultime due della classe). Punto che vale tanto soprattutto per le vicissitudini settimanali riguardo il futsalmercato, con porte girevoli in uscita ed in entrata, che oggi hanno ridotto di molto numericamente le rotazioni carbognanesi.

Va’ fatto un plauso enorme a questi ragazzi che hanno fatto una partita quasi epica viste le condizioni odierne e che, per un pizzico di sfortuna e stanchezza, hanno perso quella lucidità necessaria finale che, avrebbe portato tre punti enormi.

CRONACA. Carbognano in campo concentrato e preparato ad un incontro di grande sacrificio. Il cuore gialloverde emerge nelle difficoltà ed anche questa volta, la rabbia di casa è veemente. Pronti e via ed è 1-0: Bernal ”mangia” campo e serve Massimo Nunzi che non sbaglia. Il Terracina prova a reagire, ma il Carbognano difende bene ed ha numerose palle in ripartenza decisamente ”divorate”. A metà tempo, dopo un incrocio clamoroso degli ospiti sulla prima vera occasione, i cimini raddoppiano. È Carosi Valerio stavolta a strappare nell’uno contro uno ed a servire una palla al bacio a Galanti che, lestissimo, realizza il 2-0. Quello che manca, è sicuramente esperienza. È difatti incredibile come il Terracina trova nel finale due reti per il pari su de ripartenze. Un mini-suicidio di un finale di tempo ai limiti della perfezione.

Ripresa che riparte quindi da un 2-2. Ultimi 20’ effettivi dall’andamento e dall’epilogo da ”dottor Jekyll e mister Hyde”. Capitan Morandi suona la carica e torna a farlo con il suo marchio di fabbrica: Bernal scarica palla e dalla distanza, di prima intenzione di esterno, Morandi realizza il nuovo vantaggio.

Il 3-2 fa vacillare gli ospiti: il Carbognano capisce il momento ed in pressione, recupera una palla con Morandi, assistente poi per Massimo Nunzi per il 4-2. È una partita che continua sulla stessa falsa riga: il Terracina prova a creare, ma i locali non concedono nulla ed anzi sprecano davvero si tutto per allungare ancora nel parziale.

Il meritato 5-2 giunge con Bernal, furbo a recuperare una palla in pressione ed a depositarla a porta sguarnita. I cimini iniziano ad apparire un pò stanchi ed il Terracina gioca a 6’ minuti dalla fine la carta del portiere di movimento. La scelta si rileva producente: il Carbognano difende con tempi lenti e morti ed il Terracina trova 2 reti che riaprono completamente l’incontro per il 5-4.

Sembra essere cambiata l’inerzia ed invece il Carbognano ha una reazione superlativa: nonostante le poche energie residue, i cimini si rispingono in avanti e prima su penalty con Galanti e poi ancora con Massino Nunzi (dalla distanza, a porta sguarnita, su giocata di portiere di movimento ospite), sigillano il parziale di 7-4.

Finale di fuoco: negli ultimi 2’ effettivi succede di tutto. Gli ospiti ripropongono il portiere di movimento: su due tiri arrivano due reti a 50’’ dalla fine. I cimini tengono la palla lontana per una ventina di secondi, ma concedono un possesso finale al Terracina. Ne scaturisce una mischia assurda, con il pallone che beffardamente finisce nella rete e come sabato scorso, a 14’’ dalla fine.

Finisce così 7-7, beffardo si ma grande onore a questi ragazzi che oggi hanno buttato il cuore davvero oltre l’ostacolo.

Ufficio Stampa Carbognano Orto Etruria

 


altre notizie
17/01/2020
Carbognano, Bernal indica la strada: "Per fare bene [...]
06/01/2020
Cervigni docet: "Dopo cinque settimane di stop sarà un [...]
25/12/2019
Carbognano, il sorriso di Mariani: "Sono molto soddisfatto [...]
17/12/2019
Carbognano Orto Etruria al giro di boa, Nunzi soddisfatto: [...]
15/12/2019
Carbognano, che peccato! Sfida al cardiopalma, il Velletri [...]
12/12/2019
Carbognano, Ramoncito: "Voglio migliorare per diventare un [...]
11/12/2019
Pareggio-beffa per il Carbognano Orto Etruria, Cervigni: [...]
>> LEGGI TUTTE