SERIE C1 - 11/11/2019

L'Atletico Silvi ingabbia i Lions: c'è gloria per Rocchigiani e Planamente

La capolista di Marrone esce dal pressing iniziale dei chietini con i gol di Di Remigio e Di Muzio (all'undicesimo centro stagionale), ma la differenza la fanno i due gioiellini rossoblù, che firmano ambedue una doppietta. Il sigillo conclusivo è di Fragassi

Partita praticamente mai in discussione che ha preso subito la via della vittoria dei rossoblu di casa sin dai primissimi istanti di gioco.
I leoni di Bucchianico partono con un pressing che non scompone la squadra di Marrone, anzi tutt’altro: difatti, con saggia disinvoltura, l’Atletico esce sempre dalla pressione trovando peraltro il gol dell’1-0 a seguito di una partenza senza palla di capitan Di Remigio assistito da Calista, il quale lo mette solo dinanzi al portiere ospite che viene inesorabilmente trafitto. Poco dopo è bomber Di Muzio, alla sua undecisima rete in campionato, a segnare il gol del 2-0: dopo un rimpallo è lesto sottomisura a timbrare la sua settima gara consecutiva.

Passano pochi minuti ed i Lions accorciano le distanze con l’ Ex Buscio il quale complice un’indecisione di Dell’Oso riesce a segnare da pochi passi. Un episodio che serve solo a ribadire che la perfezione appartiene solo ad entità celesti. Nonostante una gara giocata in surplace forse eccessivo, il Silvi - dopo aver preso il gol - trova la terza e la quarta marcatura con due gemme del baby Andrea Rocchigiani, il quale dapprima batte Faraone con una precisa conclusione mancina che si insacca alla sinistra del portiere, e poi con una rete strappaplausi: giocata di suola destra e suola sinistra culminata con un colpo che fa finire il pallone sotto l’incrocio destro della porta ospite. E così, sul punteggio di 4-1, si conclude la prima frazione di gioco.

Il secondo tempo si apre come era finito il primo, con il Silvi padrone del gioco e del campo, ma che riesce a prendere due gol per eccessiva sicurezza e per mancanza di quella cattiveria agonistica e determinazione che ha sempre contraddistinto la squadra adriatica. Difatti Comignani prima e Buscio poi accorciano le distanze.

A questo punto la squadra di Marrone si riorganizza ed inizia un vero e proprio festival delle occasioni mancate: da Giancaterino, che dopo una bella giocata sfiora la rete, a Di Muzio, che servito da Della Matrice conclude a lato di non nulla, a Fragassi, che salta tutti ma Faraone gli nega la gioia personale; ancora a Di Muzio, che imbeccato su rimessa dal fondo Dell’Oso di testa sfiora la quinta rete, fino a quando in settanta secondi l’Atletico segna ben tre gol, con una doppietta di Planamente (un vero e proprio missile prima e con una conclusione di giustezza da pochi passi poi) porta il risultato sul 6-3, e infine Fragassi, che arrotonda a pochissimi secondi dal triplice fischio.

A fine partita, il bello è stato riabbracciare al Palapiomba Dario Ambrosini quest’oggi portiere del Bucchianico ma protagonista nella scorsa stagione con la casacca del Silvi.

Va in archivio così un terzo del torneo con la conferma dell’Atletico Silvi capolista. Sabato prossimo si torna in campo nella trasferta di Vasto, con concentrazione e nervi saldi più che mai, viste le insidie che ogni partita nasconde contro ogni tipo di avversario.

Ufficio Stampa Atletico Silvi

 

CLICCA QUI PER GLI HIGHLIGHTS


altre notizie
10/12/2019
L'Atletico Silvi non vuole distrazioni. Fragassi: "Ora [...]
08/12/2019
L'Atletico Silvi non sbaglia un colpo: 5-4 al Lanciano, [...]
06/12/2019
Atletico Silvi, Di Remigio: "Niente distrazioni, Lanciano [...]
04/12/2019
L'Atletico Silvi si gode il successo. Di Muzio: "La [...]
02/12/2019
L'Atletico Silvi ci mette un tempo per carburare: [...]
28/11/2019
Atletico Silvi, ascolta Amelii: "Massima concentrazione [...]
27/11/2019
Atletico Silvi, Dell'Oso: "La strada è ancora lunga, [...]
>> LEGGI TUTTE