SERIE A2 - 11/10/2019

Mirafin, Salustri gongola: "La squadra mi piace, possiamo essere la sorpresa"

Il mini-bilancio delle prime due giornate: "Mi prendo il risultato e la voglia di dare tutto per portare a casa i tre punti, ma siamo lontani a livello qualitativo e quantitativo. Italpol? Non aspettiamoci regali, dovremo essere più bravi di loro"

Mister Salustri dovrà attendere ancora un sabato per tornare a sedersi su quella che negli ultimi 5 anni è diventata la sua seconda casa, la panchina della Mirafin di cui è comandante supremo. Incontriamo il mister per sapere il suo punto di vista sulla propria squadra e su quanto si è visto fini ad ora nel girone B di A2.

”Si un’altra giornata in tribuna. Colgo l’occasione per sottolineare che dalla tribuna non ho nessuna necessità di fornire indicazioni tecnico/tattiche perché la partita si prepara durante la settimana, ed i ragazzi sanno perfettamente cosa fare. Se dovessero servire piccoli accorgimenti in corso d’opera c’è Emanuele Fratini che conosce i correttivi da apportare nel rispetto sempre del nostro sistema di gioco. Dalla tribuna al massimo faccio il tifo come tutti, se facciamo gol esulto, se lo sbagliamo può partire qualche urlaccio, ma niente di più”.

Da fuori si dice che la partita si veda meglio, che le hanno detto le prime due gare?
”Mi prendo il risultato e la voglia di dare tutto per portare a casa i tre punti, ma siamo lontani a livello quali/quantitativo. In estate la società ha lavorato molto bene e mi ha messo a disposizione una squadra che a me piace, soprattutto considerando il budget a nostra disposizione. Per questo pretendo un aumento del livello delle prestazioni nelle due fasi”.

Cosa le manca per essere soddisfatto?
”Semplice, non ci siamo mai allenati con l’intensità e la continuità necessaria per una serie di infortuni abbastanza casuali che si sono sommati al percorso di recupero di Carlinhos, giocatore che fortunatamente abbiamo tra le nostre fila ma che sta giocando sul dolore”.

Quando a pieno regime?
”Mazzuca ha saltato buona parte della preparazione ed ancora stiamo soffrendo per trovare una soluzione definitiva per un ginocchio malandato. Dario Lopez gioca più per il suo carattere che non gli consente di dire mai ko ma è al 60% della condizione. Dariush ed Emer ieri erano in infermeria. Questo ci costringe ad allenarci a ranghi ridotti con le conseguenze che è facile intuire. Aggiungiamoci che abbiamo un grande giocatore come Vinicius Viana ancora ai box per motivi di tesseramento, ed il quadro è completo”.

Però tre partite e tre vittorie, coppa compresa:
”I ragazzi nella situazione di emergenza hanno moltiplicato sforzi e minutaggio, di questo ringrazio tutti ma, ripeto, questa squadra mi piace e sono convinto che divertiremo e ci divertiremo”.

A cominciare da sabato contro l’Italpol:
”L’Italpol è una squadra con giocatori che abbinano alle grandi doti tecniche anche grande esperienza che gli consente di fare sempre le scelte giuste. Non ci dobbiamo aspettare regali perché non ne faranno, dovremo essere più bravi di loro anche se contiamo forte sul fatto che non c’è due senza tre (parlando di campionato)! Scherzi a parte, anche se incerottati, sabato è già uno spartiacque per capire se possiamo ambire a posizioni di vertice o se sia il caso di effettuare altre valutazioni”.

Le favorite per la vittoria finale?
”Se fossi un mero osservatore direi le campane, la Tombesi, il Cobà ed il Ciampino. Visto che non sono un mero osservatore, dico che è presto per capire i veri valori, poi una sorpresa esce sempre fuori e noi faremo di tutto per far si che la sorpresa si chiami Mirafin”.

Ufficio Stampa Mirafin

 


altre notizie
15/11/2019
Mirafin, è un derby solo da vincere. Emer: "Questa [...]
07/11/2019
Mirafin all'esame Real, Lopez: "E' la partita che [...]
06/11/2019
Mirafin avanti, vittoria sudata a Cagliari. Mirra: [...]
03/11/2019
Prova di carattere della Mirafin ma non basta, il Cobà si [...]
31/10/2019
Mirafin, Mirra: "Contro il Cobà mi aspetto una grande [...]
24/10/2019
Salustri mette in guardia la Mirafin: "Olimpus [...]
22/10/2019
La diretta Tv non porta bene alla Mirafin: la Tombesi si [...]
>> LEGGI TUTTE