breaking news
  • 04/12/2021 20:50 Anticipi #SerieAF, pokerissimo esterno Tiki Taka Planet. La Lazio rimane al comando
  • 03/12/2021 23:06 Serie A2 girone D, gli anticipi della 9ª giornata: Aquile-Capurso 2-2, Ispica-Bernalda 5-3
  • 03/12/2021 23:04 Serie A2 girone A: nell'anticipo della 9ª giornata Monastir Kosmoto-Arzignano 0-7

25/07/2021 10:47

#futsalmercato, Daniele Sau ha un'ideona in testa per il suo Milano: è assalto a Caio Jr Pagnussat

A 28 anni ha raggiunto la piena maturità atletica e tecnica, come dimostra eloquentemente l’elevato minutaggio che Caio Junior Pagnussat ha messo nelle gambe nel corso della sua positiva esperienza all’Atletico Cassano. Tre stagioni, dal 2018 allo scorso 30 giugno, che hanno confermato la classe cristallina di questo laterale difensivo italo-brasiliano che ha saputo destreggiarsi con grande disinvoltura anche da centrale, regalando medie di rendimento importanti tanto sotto la gestione Parrilla che Chiereghin. Ma come accade sovente anche nel mondo dello sport, le belle storie non durano per l’eternità ed anche per Caio Junior Pagnussat è arrivato il momento di dare un bacio alla bella Cassano delle Murge per guardare a nuove opportunità.


LA TENTAZIONE MILANO - Cassano delle Murge è una cittadina dell’entroterra barese dove il calore dei tifosi ha accompagnato le gesta dei “pellicani” fino a quanto la pandemia ci ha messo lo zampino, imponendo alla società di Michele Ruggiero di valutare nuove alternative per far quadrare al meglio i bilanci. Caio lascerà sicuramente un gran bel ricordo tra i tifosi biancazzurri, sperando di trovarne di altri altrettanto affettuosi in quella che potrebbe essere la sua nuova destinazione: Milano.


Il destino del difensore, infatti, sembra puntato verso il Nord, andando ben oltre quella linea ideale di demarcazione segnata dalle precedenti esperienze (Martinafranca, Rieti e Latina). Daniele Sau lo avrebbe scelto per rinforzare adeguatamente il pacchetto arretrato e sarebbe pronto a lanciare l’offensiva finale per assicurarsi un Caio Junior deciso a dimostrare anche oltre il Po che tutto quello che di positivo si è detto fin qui sul suo conto non sono… leggende provinciali.






Foto: Caiati