breaking news

25/06/2022 22:28

Ancora Italservice Pesaro! Rimontata la Feldi Eboli tre volte, poi Bolo sigla il gol della vittoria

Per la terza volta consecutiva l'Italservice Pesaro è campione d'Italia. La squadra allenata da Fulvio Colini rimonta una grande Feldi Eboli grazie al portiere di movimento e alla fine si porta a casa il match del PalaFiera con il risultato di 4-3. Alla Feldi rimane il rammarico di non aver vinto una gara sempre condotta, ma soprattutto di non aver capitalizzato la superiorità numerica sul 3-2 dopo il rosso a Borruto. Settimo scudetto per Fulvio Colini. 

LA PARTITA - E' una gara molto diversa dal dominio Pesaro di gara-2. La Feldi Eboli è subito sul pezzo, ribatte colpo su colpo ed è assolutamente in partita. Il PalaFiera spinge i biancorossi, ma al 5' da un errore di Espindola nasce il gol del vantaggio di Selucio, con il pallone che sbatte prima sul palo e poi termina in porta: Feldi avanti 1-0. Il vantaggio dei ragazzi di Samperi dura però appena 30" perché è Honorio a capitalizzare una bella azione per i suoi, infilando alle spalle di Dal Cin il gol dell'1-1. La Feldi ha una grande chance per rimettere il naso davanti con Fantecele, ma Espindola è strepitoso così come Dal Cin, che nega all'Italservice il vantaggio. Poi dopo 12-13 minuti giocati a ritmo altissimo i ritmi si abbassano leggermente, ma la Feldi rimette il naso davanti col gol realizzato da Fabricio Calderolli che calcia forte sul primo palo e trova un Espindola non perfetto. Ancora una volta però l'Italservice ha la forza di rialzare la testa e impattare la gara prima dell'intervallo con Pablo Taborda, che al 19' scrive il 2-2 con cui le squadre vanno al riposo. 

Nella ripresa partenza a razzo della Feldi che preme, costruisce e mette paura all'Italservice. Passano due minuti e infatti arriva il gol. Grandissima giocata di Luizinho che in una frazione di secondo sposta il pallone e calcia col mancino, infilando il pallone sotto la traversa: è il gol del 3-2. L'Italservice stavolta sembra accusare di più il colpo perché non riesce a rendersi pericolosa anche per merito di una Feldi arcigna e con le idee chiarissime anche in fase difensiva. Poi arriva un possibile momento di svolta della partita: al 3' Borruto si lancia in avanti, sprinta a finisce a terra dopo un mezzo contatto con Bissoni. Per gli arbitri non è fallo ma simulazione, con il giocatore argentino che si prende il secondo giallo e va sotto la doccia. La Feldi ha l'opportunità di giocare due minuti in superiorità numerica ma non li sfrutta, pur creando almeno tre nitide palle gol. L'Italservice tiene e prende coraggio dopo il pericolo scampato. La partita però vive un'altra fase di stallo: il momento è topico e da ambo le parti c'è forte la consapevolezza che un gol potrebbe forse definitivamente spostare gli equilibri emotivi. Passano i minuti, Colini chiama il time-out e con 7' abbondanti sul cronometro si gioca la carta del portiere di movimento. Nella prima azione però Calderolli sfiora il super-gol dalla sua metà campo. Al 15' arriva il pari: pallone mosso con efficacia, gran finta di Salas che ha la lucidità di servire sul secondo palo Taborda, bravo a spingere in porta il 3-3. Le emozioni non sono finite, perché Colini nonostante il pari vuole vincerla, insiste col portiere di movimento e la sua scelta coraggiosa viene premiata al 19': altra buona circolazione di palla con Bolo che insacca in porta il gol del 4-3 che fa esplodere il PalaFiera. Ora è Samperi con poco più di un minuto a giocarsi il power play ma la mossa non porta risultati. Per lui arriva la seconda sconfitta consecutiva in finale scudetto, mentre l'Italservice chiude un'altra stagione dominante col ''Triplete" e il terzo scudetto consecutivo. 


ITALSERVICE PESARO-FELDI EBOLI 4-3 (pt 2-2)
ITALSERVICE PESARO: Espindola, Salas, Borruto, Taborda, Bolo, Obbar, Frontino, Honorio, Tonidandel, De Oliveira, De Luca, Vesprini, Mariani, Cianni. All. Colini
FELDI EBOLI: Dalcin, Vavà, Calderolli, Luizinho, Selucio, Caoponigro, Trentin, Bissoni, Fantecele, Schiochet, Senatore, Melillo, Glielmi, Pasculli. All. Samperi
ARBITRI: Giovanni Zannola (Ostia Lido), Luigi Alessi (Taurianova), Alex Iannuzzi (Roma 1), crono: Andrea Colombo (Modena)
MARCATORI: pt 4'15'. Selucio (F), 4'46'' Honorio (P), 15'12'' Calderolli (F), 18'04'' Taborda (P), st1'58'' Luizinho (F), 14'13'' Taborda (P), 18'19'' Bolo (P)
NOTE : al 2'58'' del s.t. espulso Borruto (P) per somma di ammonizioni. Ammoniti: Caponigro (F), Bolo (P), Borruto (P), Calderolli (F), De Luca (P), De Oliveira (P)