breaking news
  • 05/12/2021 20:22 Serie A, termina in parità il posticipo di Salsomaggiore: Came Dosson-Feldi Eboli 4-4

13/05/2021 10:16

Andrea Sabalino si rimette in gioco dopo Prata: un ''tecnico'' a 360 gradi in continuo aggiornamento

Andrea Sabalino è uno dei volti del futsal che non ha certo bisogno di presentazioni. Prima giocatore, poi allenatore (ha preso il patentino Uefa B nel 1999 e nel 2006 quello di Primo Livello), quindi match-analyst, tecnica di “lettura” delle gare di futsal di cui è stato uno dei precursori tanto da scrivere anche un libro (“Alleniamo la situazione nel 2015”) sulle metodologie tecnologiche applicabili al calcio a cinque.


Ma non solo futsal: nel pedigree del cinquantaduenne tecnico romano ma da una vita residente in Friuli, c’è anche una riconosciuta e importante attività nel beach soccer (è stato allenatore di diverse squadre del massimo campionato oltre che della Nazionale norvegese), ma il futsal occupa una consistente fetta delle sue passioni, futsal che lo ha riportato sul palcoscenico come primo attore nell’ultimo biennio a Prata.


“Dopo due anni in cui ho allenato la prima squadra, fatto il responsabile del settore giovanile, direttore tecnico, sempre disponibile qualora ci fosse la necessità di sostituire allenatori assenti agli allenamenti, aver messo a disposizione l’attività di video analista e ricoperto altre mansioni, mi è stato detto di non far più parte del gruppo di lavoro del Maccan Prata”.


Un rapporto, quello con il sodalizio pordenonese, che si è interrotto non senza perplessità da parte di Sabalino.


“Sono rimasto molto sorpreso anche perché mi era stato detto che avevo portato idee professionali, competenza e che il mio lavoro era stato molto importante per far crescere la società. Tra l’altro, assieme a diversi collaboratori avevo avviato un percorso per potenziare ancora di più la società, come camp estivi e l’inserimento nello staff tecnico di allenatori abilitati, per poi scoprire di non esserne più parte, peccato. Credo di aver dato molto, ma ora sto riflettendo su cosa ho sbagliato e su cosa devo migliorare”.


E’ un Sabalino deciso a dimostrare la sua preparazione a chi intenderà dotarsi di un elemento che alla conoscenza della disciplina unisce anche l’applicazione di metodologie di analisi avanzate e di indiscussa validità e affidabilità. 


“Ogni volta che ricevo dei feedback cerco di analizzare il mio operato, in modo tale da perfezionare ancor più la mia preparazione, per svolgere il mio lavoro al meglio qualora, appunto, mi arrivasse una nuova proposta di collaborazione”.