Aquile Molfetta, il primo match in A2 porta in dote ai ragazzi di Rutigliani un pareggio esterno

Le Aquile Molfetta conquistano il primo punto storico all’esordio in A2, in trasferta, nel derby con l’Atletico Cassano pur senza Ortiz e l’infortunio dopo qualche secondo rimediato a Moreno. Girandola di emozioni al Pala Angelillo di Cassano in cui entrambe le squadre hanno giocato a viso aperto lottando su ogni pallone ma forse punto un po’ stretto per il team del presidente de Giglio viste le tante occasioni create e la grande prestazione dell’estremo difensore dei “pellicani”. Pur con la capienza limitata importante cornice di pubblico e partita corretta nonostante il grande agonismo in campo. 

PRIMO TEMPO. Il quintetto iniziale scelto da mister Rutigliani è composto da: Lopopolo tra i pali, Adami, Murolo, Dell’Olio e Koseky. Avvio equilibrato sin dalle prime battute: Lopopolo è subito abile nell’uno contro uno contro Garcia e la conclusione di Koseky viene deviata in angolo dalla difesa dei padroni casa. Le Aquile dopo pochissimi minuti sono costretti a rinunciare anche a Moreno per infortunio. Michele Dibenedetto sale in cattedra e con grandi interventi rifugia in angolo le nitide occasioni di Koseky, Murolo e Salvatore Dibenedetto. Il Cassano sul finale della prima frazione cerca la rete del vantaggio ma le conclusioni di Sbaa Boutraba e Barbosa non inquadrano la porta difesa da capitan Lopopolo e lo stesso Barbosa coglie un palo da fuori area.

SECONDO TEMPO. Ripresa di gioco in cui Koseky prima trova la grande risposta del solito Dibenedetto e subito dopo al 4’ ancora lo spagnolo coglie il palo. Lopopolo con grande istinto risponde presente alle conclusioni ravvicinate di Lestingi e Garcia Butron. Gli uomini di mister Rutigliani pur con le rotazioni limitate a grandi tratti impongono il loro gioco ma sulla loro strada c’è ancora l’estremo difensore locale che con delle prodezze tiene a galla i suoi sui tentativi di Koseky, Dell’Olio, Murolo e Adami. Garcia coglie il palo dopo la deviazione di Lopopolo.
La partita si infiamma sul finale, a 30’’ dal termine Recchia inserisce il quinto di movimento senza i giusti effetti: Murolo e Adami si divorano il goal vittoria visti i salvataggi sulla linea da parte delle difesa dei “pellicani”.

Nella prossima giornata le Aquile Molfetta saranno impegnata nell’insidioso match casalingo, seconda giornata di campionato, contro il Catanzaro Futsal al Palapoli con fischio d’inizio fissato alle 16.00.

Domenico Introna
Ufficio Stampa Aquile  Molfetta