Aquile Molfetta, vittoria in rimonta con l'Itria. Il team di De Giglio si prende la vetta solitaria

La​ 22^ giornata di Serie B, tanto attesa, va in archivio con l’allungo importantissimo delle​ Aquile Molfetta del presidente Donato De Giglio​ in testa al girone G.

La squadra di mister Rutigliani si aggiudica la supersfida del PalaTodisco di Cisternino rimontando nel finale l’Itria Football Club. Primo tempo molto equilibrato (1-1), nella ripresa i padroni di casa si portano sul momentaneo parziale di 4-1 la gara, ma una reazione molfettese nel quarto finale di gara produce il definitivo 4-5 viste anche le espulsioni di Punzi, Araujo e Bruno. Doppiette strepitose per Reyno e Garcia Rubio, su tabellino dei marcatori ci va anche Ortiz (tiro libero). I biancorossi salgono adesso a +3 sull’Itria con ancora due gare da recuperare.

PRIMO TEMPO - Rutigliani si affida a Lopopolo tra i pali, Ortiz, Pedone, Garcia Rubio e Dell’Olio. Le compagini si affrontano a viso aperto dai primi minuti con continui capovolgimenti di fronte viste le dimensioni ridotte del campo: Micoli rifugia in angolo in tiro di Garcia Rubio, Lopopolo compie una grande parata su Araujo. Lo stesso portiere molfettese esce palla al piede, viene fermato con un intervento dubbio rimanendo a terra dolorante, l’Itria decide di non fermarsi e Araujo mette a segno la prima rete dell’incontro al 4’25’’. La reazione delle Aquile è quasi immediata e all’11’38’’ Gracia Rubio rimette in parità incontro. Le squadre premono alla ricerca del vantaggio infatti Micoli è straordinario di Murolo e Lopopolo risponde presente ancora su Araujo. Fioccano i falli da entrambe le compagini e Pedone a 2’57’’ dal termine della prima frazione commette il sesto fallo: Punzi calcia sul palo alla sinistra di Lopopolo.

SECONDO TEMPO - Nella ripresa partono meglio i padroni di casa che si portano sul 2-1 con Fanelli direttamente su punizione. Dopo l’incrocio dall’out sinistra di Punzi, Araujo mette a segno la terza rete dell’Itria al 6’35’’. Le Aquile provano a reagire ma sbattono ancora su Micoli abile a respingere le conclusioni di Gracia Rubio e Reyno. Forse nel momento migliore dei biancorossi il solito Araujo all’11’04’’ porta i suoi sul 4-1. Le Aquile non demordono e Garcia Rubio dopo un’azione personale al 12’53’’ e con un lob di pregevole fattura va in rete e riaccende le speranze. A 5’50’’ dal termine Punzi viene espulso (doppio giallo) commettendo il quinto fallo e dopo il palo di Garcia Rubio uno strepito Reyno accorcia ancora al 15’10’’. L’Itria sembra non riuscire e reagire andando a commettere il sesto fallo: dal dischetto Ortiz non sbaglia. La partita si innervosisce vista la posta in palio e anche Araujo al 2’18’’ termina anticipatamente la gara per doppio giallo e con l’uomo in più ancora Reyno porta le Aquile in paradiso al 17’54’’. A 17’’ viene espulso anche Bruno, per simulazione e Ortiz colpisce la traversa.

Adesso visto questo passo importantissimo, ci sarà da recuperare le giuste energia per poi affrontare la Polisportiva Torremaggiore: sabato 20 marzo con fischio d’inizio alle 16:00.

Domenico Introna-Ufficio Stampa Aquile Molfetta