Bitonto, scacco matto al Canicattì: una ripresa da sogno con il triplice sigillo di Ferdinelli

Roba da far stravolgere il mondo, da far urlare "io c'ero". Non se la porterà mica via la pioggia per le strade in discesa che sfociano nei prati, quella particella di euforia che ha fatto su e giù per il mondo delle emozioni, durante la sfida fra i leoni neroverdi e la capolista siciliana.
No. Resterà li per sempre, incastonata come diamante nella roccia, pagina in bella mostra nell'immenso libro della memoria o pellicola nello scaffale all'interno del fascicolo "partite gloriose".

Sotto il diluvio invernale di un freddo pomeriggio di fine gennaio infatti, i neroverdi fanno un sol boccone della capolista Canicattì, salgono a ventitre punti, restano al quarto posto e si preparano alla sfida di sabato prossimo in trasferta contro il New Taranto. Una vittoria meravigliosa dunque, su cui hanno messo le firme Ferdinelli (3), Solimini (2), Castillo, Decillis e Banegas. Otto reti meravigliose, a cui ha fatto da contorno il calore di tutti i presenti al Pala "Borsellino" per un match che resterà per sempre nella storia del club nostrano.
LA PARTITA - Orfano dello squalificato Caggianelli, mister Pietro Di Bari sceglie di partire col cinque composto da Dibenedetto, Banegas, Acquafredda, Castillo e Ferdinelli. Il Bitonto parte bene e sfiora la rete ma al primo affondo il Canicattì è cinico a sfruttare una palla persa e a fare 0-1 con Piovesan in spaccata. Il Bitonto reagisce immediatamente ed al 6' sfiora il pari col sinistro dal limite di Castillo su cui si supera il portiere ospite a deviare in angolo. Il pari è nell'aria ed arriva all'11' quando Solimini recupera palla, Castillo se ne fa preda, avanza e dal limite spara un sinistro chirurgico che si spegne nell'angolino e vale l'1-1 del Bitonto.

Il pari però dura un minuto, il Canicattì infatti sfrutta un calcio piazzato e la conseguente deviazione del Bitonto per fare 1-2 con Zinhani.
Il Bitonto accusa il colpo e su un'altra palla persa permette a Piovesan di fare 1-3 a tu per tu. Il cuore del leone però batte ancora forte ed al 14' Decillis è il solito opportunista in area di rigore e col destro fa 2-3 Bitonto. Il Bitonto è indemoniato ed al 16' trova il pari con Banegas che dal limite la mette all'angolino e fa 3-3. Se il cuore sorride ai leoni, la fortuna purtroppo no ed al 18' i neroverdi capitolano ancora sul preciso diagonale di Zhanini che bacia il palo e termina in rete per il 3-4 del Canicattì all'intervallo.
Nella ripresa il Bitonto parte forte ed al 2' trova il pari con Solimini che si coordina col sinistro e sul primo palo fa 4-4.
Pochi secondi più tardi Castillo ci prova in pallonetto, ma la palla balla sulla traversa e termina fuori. È solo il preludio al goal del vantaggio che arriva al 4' quando Banegas apre per Solimini che prende la mira e con un colpo da biliardo manda la palla a baciare il palo ed a terminare in rete per il 5-4 Bitonto. I neroverdi sono indemoniati ed all11' vanno ancora in goal con Ferdinelli che sul secondo sceglie di farlo in grande stile col pallonetto e fa 6-4 Bitonto. Al 14' il Canicattì prova a giocarsi la carta del quinto uomo ma alla prima occasione il Bitonto mette dentro il settimo con Ferdinelli che riceve in diagonale e la mette nell'angolino di prima per il 7-4 neroverde. Al 19' Dibenedetto calcia a porta vuota ma centra il palo. Pochi secondi più tardi invece è spietato Ferdinelli che col destro dalla propria metà campo fa 8-4 Bitonto a porta vuota.

Per il Bitonto ora è già tempo di pensare alla prossima gara di sabato in trasferta contro il New Taranto.

Danilo Cappiello-  Ufficio Stampa Futsal Bitonto.