Defender Giovinazzo, Dibenedetto la riprende nel secondo tempo, poi il Benevento allunga nel finale

Che peccato, Defender Giovinazzo C5. Che gran peccato. Negli ultimi quattro primi effettivi il club di Carlucci cade a Benevento (4-1 il finale), ma esce a testa alta dal Palatedeschi dopo aver dato del filo da torcere alla capolista al termine di un match condizionato in parte anche da una discutibile coppia arbitrale. Anche questa volta, infatti, la squadra biancoverde, nell’anticipo del ventitreesimo turno del girone B di serie A2 Elite, se la gioca alla pari. Va sotto di una rete poco prima del riposo, al rientro mette paura alla prima della classe, segna con Dibenedetto il gol del pari, ma cede durante gli ultimi quattro minuti di gioco: il Benevento, infatti, ha giocatori di alta classe che sfruttano ogni occasione, si riportano in vantaggio e chiudono i conti sul 4-1. Già, davvero un peccato.


La cronaca. Il Benevento di Centonze si presenta con Matheus, Botta, Arvonio, Melucci e Fetta, mentre Bernardo, privo di Montelli e Palumbo, replica con Di Capua, Piscitelli, Fermino, Silon Junior e Roselli, che, in apertura, in area, accarezza il palo al secondo tentativo. I padroni di casa si fanno vivi con Arvonio fermato da uno strepitoso Di Capua. Fatica, e non poco, la capolista a trovare la strada del gol ed è costretta, dopo il quarto d'ora, a ricorrere alla classe di Lolo Suazo. Ed è proprio un suo assolo che mette Guerra in condizione di colpire il palo. Il match si sblocca a 13 secondi dalla sirena intermedia con Arvonio che centralmente si incunea e supera l'estremo ospite. Al riposo è 1-0.


Nella ripresa parte bene il Defender con un tiro di Marolla che si spegne tra le braccia di Matheus. La replica del Benevento è affidata dapprima a Botta, poi a Milucci e, infine, a Lolo Suazo, ma Di Capua mostra le sue qualità. Dall'altra parte, però, riprendono quota gli ospiti con due affondi di Fanfulla e Dibenedetto. La parità, però, è nell'aria e si materializza con una conclusione centrale di un pimpante Dibenedetto per l'1-1 al 14'. Solo 30 secondi bastano a Lolo Suazo per salire in cattedra e trovare una soluzione magistrale per il nuovo vantaggio del 2-1. Tenta il power-play Fermino, mister Bernardo, con 4 minuti da giocare, ma al 18' De Crescenzo intercetta una palla vagante e sigla il 3-1. Mancano solo 2 secondi al termine quando Milucci approffitta di un altro errore nel giro palla e firma il definitivo 4-1.



A.S.D. BENEVENTO - GS DEFENDER GIOVINAZZO C5 4-1 (pt 1-0)


BENEVENTO: Matheus, De Crescenzo, Fetta, Imparato, Botta, Milucci, Arvonio, Guerra, Pastore, Matera, Lolo Suazo, Lepre. Allenatore: Centonze.

DEFENDER GIOVINAZZO: Di Capua, Greco, Menini, Piscitelli, Fanfulla, Fermino, Silon Junior, Marolla, Dibenedetto, Roselli, Lobasso, La Notte. Allenatore: Bernardo.

ARBITRI: Barillà (Cinisello Balsamo) e Navarra (Carbonia).

MARCATORI: 19’ pt Arvonio, 14’ st Dibenedetto, 15’ st Lolo Suazo, 18’ st De Crescenzo, 19’ st Milucci.

NOTE: ammoniti Roselli, Fanfulla, Piscitelli e Melucci per gioco non regolamentare. Spettatori 200 circa.


Nicola Miccione - Ufficio Stampa G.S. Defender Giovinazzo Calcio a 5