breaking news

15/05/2021 11:00

Domus Bresso più forte delle difficoltà. Maccarone: “Ci è mancata la lucidità, ma niente rimpianti”

Un’annata travagliata per tutte le società e, nonostante le difficoltà, in casa Domus Bresso si respira aria di ottimismo e di soddisfazione per quello che è stato fatto.  

“Un anno complicato – esordisce il presidente Christian Maccarone – soprattutto perché siamo stati tra i primi contagiati e questo non ci ha consentito di allenarci per parecchio tempo e, una volta guariti, abbiamo iniziato a fare i tamponi rapidi ogni settimana, anche quando ciò non era previsto dal Protocollo, al fine di tutelare la salute dei nostri tesserati, per noi prioritaria”.

Più volte durante la stagione la Domus ha dato l’impressione di poter competere anche per molto più del quinto posto, cosa è mancato poi secondo te?

“Sono d’accordo. La Domus ha dimostrato di poter lottare contro tutti. Ci è mancata in alcuni momenti la lucidità dovuta alle tante partite ravvicinate e ai parecchi infortuni subiti, ma alla fine siamo riusciti tutto insieme a raggiungere i play-off. Siamo assolutamente soddisfatti, anche se in alcuni casi si poteva fare un po’ meglio, ma nessun rammarico da parte nostra. Purtroppo, quest’anno è stato maledetto anche in ottica giovanile, ma siamo comunque riusciti ad inserire in pianta stabile in prima squadra, Mirko Castorina, laterale classe 2005, molto promettente e ben voluto da tutti”.

Un pensiero anche rivolto al prossimo futuro.

“Io e tutti i miei collaboratori non ci stiamo fermando un secondo. Siamo già sul pezzo per tassellare la rosa per un altro anno da protagonisti e, infine, vorrei ringraziare di cuore tutti giocatori, lo staff e i dirigenti dal primo all’ultimo per aver portato a termine una stagione alquanto difficile. Forza Domus!”.

 

Nella foto (futsalworld.it) Maccarone insieme al patron Gulizia