Grifoni, prove generali di big-match. Ercolanetti: "Sangiorgio test serio, ma dobbiamo solo vincere"

L’analisi del momento dei Grifoni, con Michele Ercolanetti, parte dal martedì di coppa. L’esperto ultimo, classe 1992, che prima di approdare ai Grifoni ha giocato con Real Torgianese, Perugia Calcio a 5, Todi, Virtus Tifernum e Cannara, si è tolto anche la soddisfazione di mettere a segno un gol nell’8-1 imposto all'Audax al termine di una prestazione sontuosa per l'approccio, la risolutezza e la gestione del risultato. 


Ma la domanda che nella circostanza ci siamo posti è: troppo superiori i Grifoni o veramente l'Audax pensava ad altro? E comunque cosa prova Ercolanetti per aver contributo a una storica qualificazione alla Final Eight?


“Non credo assolutamente che l’Audax pensasse ad altro… quando approcciamo la partita concentrati, grintosi e cattivi fin dal primo secondo, come è stato martedì, credo che sia difficile che l’avversario possa tornare a casa con la vittoria ed i risultati lo dimostrano. In casa abbiamo perso solamente con il Cus Macerata dall’inizio del campionato. Per quanto riguarda la qualificazione alla Final Eight che dire? Sono e siamo felicissimi, ognuno di noi ha messo tutto se stesso per portare a casa questo risultato storico per la società. E’ stato solamente il primo passo però, perché sono sicuro che, insieme ai miei compagni, andremo in Basilicata per arrivare fino in fondo”.


- Tornando al risultato di martedì, quanto peserà nella valutazione del prossimo confronto diretto che sarà decisivo per il campionato?


“Ogni partita è a sé! Ogni partita ha la sua storia… abbiamo già archiviato quella di martedì. Come già detto in precedenza, se entriamo in campo e giochiamo come abbiamo fatto l’altra sera, è difficile che l’avversario possa portar via i tre punti. Sta a noi facilitarci le cose e indirizzare la partita nella maniera giusta”.


- Quattro punti da recuperare ma tanta energia positiva arrivata grazie al trionfo di martedì, da utilizzare al massimo sabato a Porto San Giorgio. Che partita sarà e quanto inciderà il fatto che dovrete assolutamente vincere proprio in vista della nuova sfida all'Audax in programma tra otto giorni?


“La vittoria di martedì ci ha dato morale e fiducia e credo che la partita di sabato prossimo sia decisiva: è un vero e proprio crocevia per quanto riguarda la vetta del campionato. È inutile nasconderci, domani serve assolutamente la vittoria per giocarci tutto nello scontro diretto che giocheremo a Spello. Sarà fondamentale non sbagliare approccio contro una buonissima squadra. In questo campionato non c’è una squadra schiacciasassi, si può vincere e perdere con tutti… lo abbiamo visto a nostre spese”.