Hachimi ha già squadrato l'Olympia: "Abbiamo un grande gruppo con complicità e intesa incredibili"

In occasione dell'ufficialità del suo ingaggio, ecco le prime parole di Youssef Hachimi Zeggani in maglia Olympia Rovereto rilasciate all'ufficio stampa del club trentino.

"Ho scelto l'Olympia Rovereto - confessa Hachimi - perché è una società molto rispettata in Italia e con tanti tifosi che seguono le partite. Un input importante per questa decisione è stata anche l'amicizia con Cristiano Fusari (trentino in forza al Genzano n.d.r.) che mi ha tolto ogni dubbio e convinto al 100%. Io la vedo come una società seria, che fa le cose bene una alla volta e senza fretta e dimostra di avere le giuste ambizioni".

- Puoi descriverti come giocatore, anche per iniziare a farti conoscere dai nuovi tifosi?

"Penso di essere un giocatore che odia perdere e nel campo do il massimo impegno per provare a vincere. Non lascio da parte lo spettacolo e cerco di dare qualche momento di divertimento al pubblico. Cerco di segnare perché ho tanta fiducia nella mia forza di calciare e, soprattutto, nell'uno contro uno".

- In pochi giorni sei passato dalla promozione in A2 sul campo a quella in A2 Élite. Che campionato ti aspetti?

"L'Olympia ha dimostrato nell'ultima stagione che, una squadra neopromossa, può essere una delle migliori del campionato. Gli altri giocano con il nostro stesso numero di giocatori, quindi vincerà chi avrà più voglia di vincere. Spero in un campionato che dimostri soprattutto la grande squadra che abbiamo. So che i miei nuovi compagni hanno una complicità e un'intesa incredibili, sia dentro che fuori dal campo".

Fra l'altro, con l'addio di Maddalosso, si è liberato anche il tuo numero preferito: l'11.

"Ormai Io con questo numero 11 ho una vera storia d'amore reciproca. Non so come faccio, non lo chiedo mai, ma so che finisce sempre con me".



In foto: Hachimi in azione nelle ultime Futsal Finals