I Grifoni fanno quello che possono, il Cus Ancona è cinico e si prende i tre punti: a Spello è 3-6

I Grifoni segnano il passo anche al cospetto di un Cus Ancona che ha avuto la bravura di concretizzare tutte le occasioni costruite nell’arco di un match al quale la squadra di Stefano Picchietti si era presentata con una formazione rabberciata tra assenze, acciaccati e complicazioni varie che hanno costretto il general manager spellano a rivedere il tema del confronto. La buona volontà dei rossoblù non è stata però premiata: i dorici hanno prevalso con un rotondo 6-3, risultato che ha permesso loro di portarsi a una sola distanza dai Grifoni, costretti dunque a rimandare di una settimana l’appuntamento con una salvezza che seppur virtualmente ottenuta da tempo non è ancora matematica.


LA CRONACA - E’ il Cus Ancona a sbloccare il risultato: vantaggio che firma Cerquetti che con una giocata acrobatica devia alle spalle di Ceccarelli un passaggio dall’out destro. Ceccarelli atterra poi Carnevali lanciato a rete, ancora Querceti trafigge il portiere di casa capitalizzando l’assist di Balzano. Ceccarelli è però bravo di piede a sventare sul tiro di Rossi, sul fronte opposto Carlopio ha il tempo di prendere la mira e di far secco Mazzarini con un destro potente, con la palla che sbatte sotto la traversa ed entra in rete. 


Carnevali va vicino al gol cogliendo il montante sinistro sull’uscita di Ceccarelli, che poi devia oltre la traversa un altro sinistro del numero 10 dorico. Tre occasioni in sequenza per la squadra di Picchietti, ma Catalano, Carlopio e Baldoni non centrano lo specchio della porta, con Carlopio che sfiora il 2-2 con un destro velenoso sul quale Mazzarini si oppone di piede. 


In avvio di ripresa, il portiere ospite non si lascia sorprendere dalla conclusione di Baldoni, ancora il numero uno del Cus sventa sull’attaccante spellano liberato sul secondo palo da un velo di Alunni Santoni. Improvviso arriva il 3-1 anconetano: bravo ancora Quercetti ad accentrarsi e a infilare con un mancino chirurgico Ceccarelli. La reazione dei Grifoni porta alla doppietta personale di Carlopio: dal corner palla all’attaccante umbro che indovina un diagonale che si spegne nell’angolo più lontano. 


Partita riaperta ma che si chiude poco dopo quando i direttori di gara ravvedono nell’intervento di Ceccarelli in piena area gli estremi per il rigore, espellendo anche il portiere di casa (nella foto il momento del provvedimento): dal dischetto Carnevali non fallisce il punto del 4-2. Poco dopo ancora Querceti si incunea nelle maglie difensive spellane e di sinistro fulmina Stoppini per il 5-2 ospite. 


Picchietti tenta la carta del portiere di movimento: Mazzarini è miracoloso su Alunni Santoni ma ci pensa Balzamo a intercettare la sfera e infilare la porta sguarnita. Nel finale è di Angelucci la rete che lenisce marginalmente il peso del ko: finisce 6-3 con i Grifoni che adesso devono sperare in momenti sicuramente migliori.