Il Soccer Montalto può dare di più, parola di capitan Bisignano: “Con la Gallinese sfida non facile”

Andrea Bisignano non ha certo bisogno di presentazioni. Vero lusso per la Serie C1 regionale, ha sposato il progetto Soccer Montalto in tutto e per tutto, tanto che alla cittadina silana lo lega anche la promessa moglie, montaltese Doc. All’età di sedici anni ha iniziato a muovere i primi passi nel futsal con la Mediocrati Bisignano, poi ha militato nelle fila di Licogest Vibo, Atletico Catanzaro, Fabrizio, Carpe Diem, Magic Games fino al città di Bisignano, fondata dallo stesso Andrea con altri amici, e che ha portato fino alla C1 dalla Serie D. La sua ultima esperienza è stata al Prato San Marco, prima di approdare al Soccer Montalto dove intende costruire e raggiungere traguardi importanti, ed intende farlo specialmente con la fascia di capitano al braccio.  

Riavvolgendo il nastro, la prima giornata mandata agli archivi sabato scorso contro il Città di Fiore, è coincisa con una sconfitta per 3-1. 

“Le sensazioni di tornare a giocare sono state altalenanti; emozioni senza dubbio, ma anche la giusta attenzione e concentrazione per un momento così delicato e particolare. La gioia di rivivere il campo e l’adrenalina della sfida hanno fatto da padrone. Riguardo la partita col Città di Fiore, quando si scende in campo c’è da considerare sempre l’avversario che, in questo caso, ha portato a casa meritatamente la vittoria, dimostrando più fame di noi. Non voglio trovare scusanti, non sono abituato, ma posso solo dire che dobbiamo lavorare maggiormente e con più pazienza”. 

Quali sono gli obiettivi stagionali?

“Il Soccer Montalto è una società giovane, ma al tempo stesso ambiziosa che, con passione, sta cercando di ritagliarsi uno spazio importante nel panorama regionale, sperando di vederlo presto anche nel nazionale. L'obiettivo è innanzitutto di fare crescere questo sport e cercare di portare più giovani locali ad innamorarsi di questa disciplina. Una società seria che punta soprattutto all'uomo prima del calciatore. Personalmente voglio ringraziare la società tutta, il mister e i miei compagni di squadra, per avermi dato l'onore di rappresentarli come capitano, di certo farò del mio meglio per non deluderli”. 

Nel prossimo turno si giocherà in casa contro la Gallinese, che partita ti aspetti?

“Una partita difficile contro un avversario che come noi ha voglia di riscatto. Noi abbiamo iniziato bene la settimana e stiamo cercando tutti di raggiungere presto una forma tale da impensierire qualsiasi avversario. Poi alla fine parlerà il campo e come sempre, che vinca il migliore”.