L`Olympia Rovereto torna alla vittoria: ma quanta fatica per piegare un Maniago deciso a tutto

(www.sportrentino.it) Non senza sofferenza, specie nel finale, l’Olympia Rovereto porta a casa la seconda vittoria stagionale allungando il passo sulla zona pericolosa proprio contro il fanalino di coda Maniago. Gara che ha visto solo tre marcature e diversi interventi dei portieri.

PRIMO TEMPO - Avvio di marca ospite con Ninz chiamato in causa da Moras e Kovacic su palloni persi nell’impostazione dei padroni di casa. La formazione di Cristel comincia a scaldare i motori e dopo una conclusione di Onzaca respinta dal portiere, va vicina al vantaggio con Moufakir che salta anche il portiere in uscita, ma trova sulla linea la respinta di Moras. La gara non si sblocca nella prima frazione con due pali (il primo di Marisa da pochi passi, il secondo su deviazione di Kamencic) per i padroni di casa, ma anche due interventi importanti di Ninz sulle conclusioni dello stesso Kamencic e di Borsatti. Al riposo si va con le reti inviolate.

SECONDO TEMPO - La ripresa vede subito l’Olympia Rovereto in costante pressione, coronando il vantaggio con Bazzanella (sesto gol stagionale) che s’accentra da sinistra e col destro riesce a perforare il portiere avversario all’avvio del sesto minuto. La formazione trentina sembra padrona del campo, con ripartenze importanti anche se non arrivano finalizzazioni vincenti. Al 12’ prima Kamencic si libera al tiro trovando un miracoloso intervento di Ninz e poco dopo le «pantere» raddoppio di Cristel (nella foto la sua esultanza ndr) che finalizza sul primo palo una bella azione corale roveretana. Arriva invece il gol friulano con un perfetto movimento da pivot di Kovacic che infila da sinistra sotto l’incrocio opposto.

La gara torna ad equilibrarsi con occasioni su ambo i fronti anche se la palla più ghiotta capita a Kamencic sotto forma di tiro libero per il sesto fallo guadagnato dai friulani. Dai dieci metri però è Tita (subentrato nell’occasione per Ninz) a dire di no al capitano avversario. Finale con tanta ansia, un incrocio dei pali colpito da Kamencic e Olympia Rovereto che non trova l’attimo fuggente su qualche contropiede. Ma i tre punti sono in cassaforte in attesa dell’ultimo recupero (probabilmente l’8 dicembre) sul campo del Cornedo.


OLYMPIA ROVERETO-MANIAGO 2-1
OLYMPIA ROVERETO.: Ninz, Mat. Cristel, Salvador, Moufakir, Marisa, Frisenna, Tenca, Bazzanella, Onzaca, Tonini, Pupuleku, Tita. All. Massimo Cristel.
MANIAGO: Paties Montagner, Quarta, Borsatti, Rosset. Giordani, Kamencic, Naibo, Measso, Moras, Kovacic, Giroldi. All. Mauro Polo Grava.
ARBITRI: Cino di Modena e Bufano di Pesaro. Crono: Saggese di Rovereto.
MARCATORI: st 5’05” Bazzanella (O), 11’42” Mat. Cristel (O), 15’59” Kovacic (M)
NOTE: gara a porte chiuse. Ammoniti Marisa (DE), Measso (MF).

(Foto: Hodaj)