La Sampdoria inaugura la Sky Arena per l'A2. Fortuna: ''Un'idea sempre sostenuta. Ma serve altro''

Una nuova opportunità si apre da oggi per il futsal di Serie A2: per la prima volta una partita del campionato di seconda divisione verrà trasmessa in diretta sulla piattaforma di Futsal.tv. E chi poteva avere l’opportunità di battezzare l’evento si poter giocare alla Sky Arena di Salsomaggiore, il tempio del grande futsal italiano, se non la Sampdoria?


Il presidente Matteo Fortuna vive l’attesa in maniera elettrizzante. Gli abbiamo chiesto, alla vigilia del match con i Bulldog Lucrezia, se questa opportunità va nel senso sperato a livello di comunicazione.


“Ho sempre sostenuto l’idea della Futsal Arena. Credo che sia l’unico modo per rendere attrattivo il futsal al grande pubblico. Per questo siamo contenti, anche se di fatto avremo cinque trasferte in 20 giorni, di giocare in quel palcoscenico prestigioso”.


- I risultati delle ultime giornate dicono che il girone B di A2 è il raggruppamento dove c'è la maggior concentrazione di squadre potenzialmente in grado di arrivare prime. Fermo restando che, poi, la vittoria del girone resta una vittoria di Pirro, e a maggior ragione la formula adottata quest'anno è più che mai discutibile. Sei concorde su questa analisi?


“E’ un girone veramente competitivo. Le partite sono bellissime. L’attuale formula della A2 va migliorata ma io, da grande appassionato di basket, sono assolutamente a favore dei playoff. Mi permetto però di dire che non è concepibile giocare partite di vertice in A2 in campi lunghi 34/35 metri e larghi meno di 28. Spero che già da quest’anno la Divisione pretenda almeno nei playoff delle tolleranze più limitate così che possa vincere davvero la squadra più forte”.


- Tutti danno la Samp tra le grandi favorite alla promozione: una considerazione che gratifica il tuo impegno nell'allestire una formazione di alto livello o preferisci far parlare direttamente il campo?


“Non so se siamo favoriti, sicuramente cercheremo di dare battaglia fino alla fine dove speriamo di avere maggiore fortuna. Fino ad ora tra infortuni, covid, dinamiche regolamentari strane e nazionale non abbiamo avuto nemmeno una partita con la rosa al completo. Infine, e al mio educatissimo mister non piace quando mi lamento, ci sono troppi e ripetuti errori arbitrali gravi ai nostri danni, anche nell’ultima partita contro il Pistoia dove il loro gol del pareggio, a un minuto dalla fine, era chiaramente irregolare. Forse le terne sono condizionate dalla nostra maglia e non sono tranquillo, poi credo non li aiuti avere il ‘giudice’ ogni partita in tribuna. Lasciamoli lavorare. Rossini mi dice che gli arbitri del futsal sono in generale più nervosi rispetto alla Serie A e B di calcio. Proviamo a farli lavorare con maggiore serenità e magari paghiamoli meglio, ora sono poco più che volontari e questo non è corretto se si vuole crescere come movimento. Ma soprattutto se vogliamo andare in A dobbiamo prima di tutto noi sbagliare meno, soprattuto sottoporta”.