breaking news

01/01/2022 13:00

Lupinella promuove il Manfredonia: “Abbiamo ritrovato la bussola, ma la strada è ancora lunga”

Il Manfredonia chiude l’anno col botto, aggiudicandosi i due scontri diretti con L84 e Polistena e proprio in Calabria trova la sua terza affermazione stagionale che la porta a quota dodici in classifica.  

 

“Un percorso cominciato in salita – sottolinea capitan Lupinella – un avvio di campionato che poteva portarci a fare dei risultati molto importanti, ma che però, vuoi per inesperienza e un po’ per un pizzico di cinismo che ci è mancato, ci ha fatto lasciare un po’ di punti per strada. Siamo consapevoli che dobbiamo fare di più per risollevarci e per non risentire dell’inizio difficoltoso di campionato. Se vogliamo raggiungere la salvezza sappiamo che dovremo lottare con le unghie e con i denti su ogni pallone, dal primo all’ultimo secondo di questa Serie A. Posso dire abbiamo ritrovato la bussola e pian piano ci stiamo risollevando da quella zona di classifica, che per il gioco espresso e il lavoro di ogni settimana non ci rispecchia assolutamente. La strada è lunga, e la gente del Manfredonia difficilmente mollerà prima dell’ultimo secondo della stagione”.

 

Fondamentale anche in tal senso la figura di mister Monsignori…

 

“Mister Monsignori è un perfezionista. Durante la settimana, se potesse, ti controllerebbe anche come ti allacci gli scarpini (ride, ndr). Fa un lavoro totale, soprattutto nella preparazione delle gare. È grazie a lui se questa società è cresciuta tanto negli ultimi anni. In poco tempo ha migliorato tante piccole cose che fanno la differenza. Ha cambiato i metodi di lavoro e ha saputo dare un’identità precisa alla sua squadra”.

 

(foto: Melcarne)