Sala Consilina, sale la febbre. Detta: ''Testa, cattiveria e agonismo: possiamo vincere a Benevento"

Le ore passano e l’attesa cresce. A Sala Consilina il cuore di ogni tifoso ha cominciato inevitabilmente a palpitare: sabato c’è quella che tutti ormai considerano la madre di tutte le partite, un Benevento-Sporting Sala Consilina che potrebbe risultare già decisiva per le sorti del girone F. La squadra di Foletto si presenta in terra sannita con un punto in più in classifica, ma soprattutto con un rinnovato vigore: il 10-2 all’AP di sabato scorso ha riproposto la squadra carro armato che aveva monopolizzato la stagione prima di incappare negli incidenti di percorso che hanno rimesso tutto in discussione.


“Dopo la prestazione di sabato sono ottimista - dice convinto il presidente Giuseppe Detta. - Abbiamo fatto vedere che se mettiamo in campo la cattiveria e l’agonismo visti con l’AP sono sicuro che è in grado di fare risultato con chiunque. Ho visto una grande squadra e una grande determinazione, segno che l’organico è di altissimo livello e se i ragazzi giocano come sanno fare, non voglio essere presuntuoso ma non ci sono paragoni da fare. Sabato dobbiamo giocare con tranquillità, se lo faremo non ce ne sarà per nessuno. Se andiamo a Benevento con la testa, concentrati e giocando alla nostra maniera, la partita la possiamo vincere: dipende solo da noi”.


- E poi a motivare di più i ragazzi c’è quella gara di recupero che grida vendetta…


“Chiaro che grida vendetta per come è avvenuta, perché se è vero che non avevamo giocato una grande partita, con Brunelli che era appena rientrato dopo l’operazione e Morgade in campo con una caviglia rovinata, alla fine avremmo meritato di vincere noi perché loro hanno fatto due tiri in porta. I ragazzi saranno sicuramente carichi da questo punto di vista e spero che questa rabbia a Benevento la trasformino in qualcosa di positivo”.


Morgade salterà la supersfida di Benevento per squalifica, ma in compenso Foletto potrà contare su due rientri: quello di capitan Vavà e quello di Steven Dillien. Grande l’attesa che Detta nutre per l’attaccante belga, che tornerà a vestire la maglia dello Sporting particolarmente galvanizzato dopo aver segnato il gol del vantaggio del Belgio nella sfida pre-Euro 2022 con gli Azzurri a Prato.


“Con Dillien - ricorda Detta - ho avuto un faccia a faccia importante, già col Domitia ho visto un altro giocatore, credo tanto in lui, ci può assolutamente aiutare. Lui con la Nazionale ha sempre fatto bene. Il gol contro gli Azzurri? Diciamo che sono orgoglioso del fatto che ha portato il nome dello Sporting Sala Consilina in alto a livello internazionale. Un altro giocatore che mi sta impressionando è Bavaresco: in due partite ci ha dato una grossa mano, ha quella cattiveria che piace a me, lotta e si fa rispettare, sono davvero contento”.