Sala, il bell'avvio non basta a Catania: la stanchezza si fa sentire e la Meta completa la rimonta

Diciamolo subito anche perchè è la verità: la Meta ha vinto con merito, regalando una prestazione di autorità che ha avuto il suo picco massimo nel primo tempo, anche se le due reti messe a segno nella ripresa sono state due chicche che Carmelo Musumeci e Pulvirenti hanno regalato al pubblico del PalaCatania. Ma al di là dei meriti dei siciliani, non si può parlare di alcun demerito dei giocatori del Sala, perchè non era assolutamente cosa semplice affrontare una partita così impegnativa contro una Meta che ha dimostrato tutta la sua robustezza, dopo tutto quello che era successo, con un viaggio allucinante di sedici ore che nessuno dei giocatori di Oliva è stato in grado di assorbire anche in minima parte. Ci sta tutto il 5-3 finale, anche se in casa salese qualche rimpianto c’è per l’avvio di gara decisamente promettente e il doppio vantaggio che dopo dieci minuti di gara aveva illuso Oliva e i suoi alfieri. Ma ve bene così, perchè di più il Sala, nelle condizioni in cui è arrivato a Catania, non poteva fare.


LA CRONACA - Pre-partita dedicato all’iniziativa della Divisione Calcio a 5 contro la violenza di genere, applaudita dal pubblico catanese. Si inizia con il Sala per niente intimorito tanto che dopo 56” Bateria centra la base del palo con un sinistro da posizione defilata. Passano venti secondi e Brunelli ci prova da casa sua, Timm deve prodigarsi in un colpo di reni per smanacciare la palla oltre la traversa, travolgendo addirittura la porta. Se tanto da tanto arriva anche il vantaggio del Sala: 2’56”, punizione di Bateria che serve al centro per Volonnino, lasciato tutto solo, destro vincente per l’1-0.


La Meta risponde con decisione. Al 4’35” destro di Dian Luka, palla che centra il palo  e balla sulla linea prima che la difesa liberi; poi Fiuza si oppone prima a Podda e ancora a Dian Luka. Al 7’20” Pulvirenti conclude sull’esterno della rete, 30” dopo è Fiuza che ci mette la mano ancora su un Pulvirenti scatenato. Al 9’03” affondo di Turmena, diagonale dalla bada destra che Fiuza devia di piede; al 10’35” grande giocata di Podda, che si porta la palla sul sinistro e spara, ma Fiuza è sempre pronto; sul fronte opposto è Timm che sbarra la strada a Carducci. Nel momento di maggior pressione degli etnei il Sala raddoppia: laterale di Volonnino per Bateria, Timm respinge ma è lesto Carducci a infilare la porta catanese per il 2-0 ospite all’11’05”.


Al 12’08” per poco non arriva anche il terzo gol del Sala: ripartenza di Brunelli, scarico a Bateria, tocco sotto sull’uscita di Timm ma Anderson è prodigioso e salva sulla linea. Gol mangiato, gol subito: la regola viene confermata. 12’49”: dialogo Podda-Anderson, Podda arriva a rimorchio e di sinistro fulmina Fiuza per l’1-2. Al 15’15” Carmelo Musumesi disorienta Stigliano, destro che Fiuza ribatte alla grande; passa un giro di lancette, Gaetano Musumeci ruba palla ad Arcidiacone, appoggia a Pulvirenti che di prima intenzione indovina l’angolino per il 2-2. Al 17’49” grande azione del Sala, la palla arriva a Bateria che di sinistro scheggia la base del palo con Timm a guardare. Al 17’52” ci riprova Brunelli: sombrero su Pulvirenti e cannonata di sinistro, Timm si supera in angolo. 


La Meta chiude in avanti la prima frazione. Al 19’47” gran sinistro di Podda, Fiuza è reattivo e devia oltre la traversa. Juanra chiama timeout per sfruttare la meglio l’ultima palla del primo tempo. Si riparte, dal corner Gaetano Musumeci centra per Dian Luka che anticipa tutti e insacca, completando la rimonta della Meta: 3-2 e si va al riposo.


Avvio di ripresa che sembra volgere ancora in favore del Sala, perchè dopo 30” Brunelli libera Volonnino, destro violento che Timm respinge con i piedi a terra. La Meta prende progressivamente il comando delle azioni anche perchè inizia ad affiorare la stanchezza dei giocatori salesi, ma non da l’impressione di voler affondare. Solo al 6’04” Fiuza si oppone al destro di Dian Luka, poco dopo Silvestri salta Zonta e spara dalla corsia destra, Fiuza è bravo a deviare in angolo. All’8’11” Podda se ne va sulla destra, centrata rasoterra con Grasso che anticipa tutti e per poco rischia l’autogol spedendo la palla sulla traversa. Sul proseguimento dell’azione viene ammonito Podda per una simulazione (la Meta chiedeva il rigore) per un fallo da tergo di Grasso. L’azzurro viene ammonito, giallo anche per Turmena per proteste.


All’8’52” Bateria ci prova col sinistro, Timm non si lascia sorprendere e respinge anche la successiva conclusione di Grasso. Al 9’45” Fiuza in evidenza hai limiti del miracolo alzando oltre la traversa un tiro a colpo sicuro di Dian Luka invitato da Pulvirenti, ma è l’anticamera del poker catanese che arriva a metà ripresa: grandissima giocata di Carmelo Musumeci, che salta Brunelli e Grasso e batte Fiuza per un 4-2 applauditissimo dal PalaCatania. Oliva chiama il timeout, dentro Stigliano come portiere di movimento.


All’11’55” combinazione Turmena-Anderson, palla di nuovo a Turmena che tira sull’esterno della rete. Il possesso palla passa chiaramente nelle mani salesi, ma la rotazione è lenta; solo al 15’54” Volonnino, imbeccato dal taglio di Stigliano, manda di testa sull’esterno della rete. Al 16’43” Grasso scivola in piena area, Turmena gli soffia il pallone ma non colpisce bene davanti a Fiuza sprecando clamorosamente. Al 17’08” Timm respinge il sinistro di Stigliano innescando la ripartenza di Bocao, che allarga a Pulvirenti, diagonale micidiale e 5-2 Meta al 17’15”. Il Sala è alle corde, ma continua gagliardamente ad attaccare per ridurre il gap, riuscendosi al 18’35”: tacco di Volonnino per il sinistro rasoterra di Brunelli che batte Timm. Il portiere di casa, a 24” dalla fine, vola per deviare il destro di Grasso destinato sotto l’incrocio. 


Non accade più nulla: la Meta vince per 5-3 e vola al secondo posto affiancando la L84. Il Sala resta a metà classifica con 13 punti e una partita in meno, quella che si spera possa portare a conclusione con la Feldi Eboli schiantata nel derby di San Rufo “bruciato” dal blackout.



META CATANIA-SPORTING SALA CONSILINA 5-3 (pt 3-2)

META CATANIA: Timm, Silvestri, Pulvirenti, C. Musumeci, Turmena, Manservigi, Podda, Dian Luka, Salamone, G. Musumeci, Bocao, Anderson. All. Rodrigues

SPORTING SALA CONSILINA: Fiuza, Grasso, Volonnino, Brunelli, Bateria, Pozzo, Carducci, Arcidiacone, Zonta, Stigliano, Abdala, Teramo. All. Oliva

ARBITRI: Perona di Biella, Cannizzaro di Ravenna. Crono: Seminara di Palermo

MARCATORI: pt 5’56” Volonnino (S), 11’05” Carducci (S), 12’49” Podda (M), 15’15” Pulvirenti (M), 19’47’’ Dian Luka (M); st 10'05'' C. Musumeci (M), 17’15’’ Pulvirenti (M), 18'35’’ Brunelli (S)

NOTE: ammoniti Grasso (S), Brunelli (S), Podda (M), Turmena (M)



Galleria