breaking news

21/04/2024 14:16

Bitonto, la Coppa è ancora tua: 7-3 al Tikitaka, la banda Marzuoli continua a scrivere la storia

Un anno dopo, è ancora Bitonto. La stellare squadra di Gianluca Marzuoli porta ancora una volta la Coppa Italia in Puglia ed eguaglia il record detenuto dal Falconara. A Genova, finisce 7-3 contro il Tikitaka, un risultato che la dice lunga sullo spettacolo offerto dalle leonesse, ma il plauso va anche alla formazione di Gayardo - punita forse eccessivamente nel passivo - che ha provato fino all’ultimo a rientrare in gara. Contro questo Bitonto, però, sembra un’autentica mission impossibile.


Partenza sprint del Tikitaka, che appare inizialmente più ordinato. La prima vera occasione è sua: Vanin, involata sulla sinistra, manda a lato. Si fa vedere anche il Bitonto con Renatinha: punizione di Diana Santos per la numero 9, che controlla ottimamente e calcia di poco fuori. Insiste ancora il Bitonto: lancio lungo di Jozi a cercare Grieco, nulla di fatto. Alla timida reazione del Bitonto, rispondono ancora le giallorosse col bel fraseggio, anche se infruttuoso, tra Vanin e Cortès. Arriva il pari: punizione da posizione laterale a metà campo, Renatinha calcia direttamente in porta e sorprende forse Duda, anche se la conclusione della campionessa neroverde è impeccabile per precisione  Il gol galvanizza le leonesse, ancora buone chances con Renata e Diana Santos. Torna a farsi vedere il Tikitaka con il tentativo di Bettioli, Jozi c’è. Ma ecco che, in un lampo, il Bitonto fa la voce grossa: Mansueto recupera un pallone prezioso sulla sinistra e serve l’accorrente Grieco, che calcia alla perfezione. Nemmeno un giro di orologio e Tampa cala il tris. Gayardo ricorre a questo punto a Xhoxho portiere di movimento; mossa tanto coraggiosa quanto rischiosa. Le abruzzesi vanno in effetti vicine al gol, ma perdono infine una palla sanguinosa e Lucileia, con la porta lasciata sguarnita, non perdona. Gol pesantissimo. Si chiude così la prima frazione.


Abbandonato momentaneamente il powerplay, il Tikitaka, a inizio ripresa, si fa vedere con continuità dalle parti di Duda. L’occasione più nitida è però per il Bitonto e passa per i piedi di Lucileia. Il Tikitaka torna al portiere di movimento, stavolta interpretato da Vanin, restando a lungo nell’area bitontina, alla ricerca di un gol che sembra non arrivare mai. Ma a metà frazione, gli sforzi delle giallorosse vengono ripagati e proprio Vanin accorcia le distanze. È il palo poi, a porta vuota, a salvare la squadra di Gayardo. Che non verrà graziata invece quando, stessa situazione, Lucileia insacca. Notte fonda per il Tikitaka: arrivano a sei le marcature neroverdi con il graffio di Tampa - in mezzo, il gol di capitan Bettioli che aveva riacceso brevemente le speranze del team di Gayardo. La rete di Tampa è quella che, di fatto, mette definitivamente in cassaforte la partita, ma c’è tempo anche per il sigillo di Diana Santos. 


Un anno dopo, il Bitonto alza nuovamente al cielo la Coppa Italia e si conferma la squadra, al momento, più spettacolare della massima serie. 


TIKITAKA-BITONTO 3-7  (pt 1-4)


TIKITAKA: Duda, Vanin, Bertè, Bettioli, Cortès, Marcelli, Prenna, De Siena, Xhaxho, Papponetti, Ruggieri, Guidotti. All. Gayardo 

BITONTO: Jozi, Tampa, Santos, Renatinha, Lucileia, Trumino, Nicoletti, Pezzolla, Grieco, Divincenzo, Mansueto, Pernazza. All. Marzuoli 

ARBITRI: Alex Iannuzzi (Roma 1), Bartolomeo Burletti (Palermo), Luca Di Battista (Avezzano), crono: Giacomo Voltarel (Treviso)

MARCATRICI: pt 6’41’’ Vanin (T), 10’44’’ Renatinha (B), 16’54’’ Grieco (B), 17’46’’ Tampa (B); st 9’21’’ Vanin (T), 13’34’’ Lucileia (B), 13’54’’ Bettioli (T), 14’32’’ Tampa (B), 19’05’’ Santos (B)

NOTE: ammonita Mansueto (B)