breaking news
  • 01/07/2022 08:05 #A2, Aquile Molfetta: ufficializzato il nuovo allenatore, è Giampiero Recchia

31/10/2021 00:48

A Lavagna è un tourbillon di reti, alla fine la spunta l'Aposa: finisce 9-7, primo cin-cin felsineo

Una sola, tanto bramata, parola: vittoria. La squadra di Carobbi conquista il primo risultato positivo nell’incontro-scontro col Lavagna per risalire dal fondo della classifica. Saranno quindici le reti totali: se alcuni giocatori di Aposa rompono il lungo digiuno offensivo (complice il campo di ridotte dimensioni), il Lavagna viola la porta ospite in ben sei occasioni (una su rigore). 


LA CRONACA - Sono proprio questi ultimi a rompere gli indugi, dopo un solo minuto. La risposta di Spada, immediata, avvia la goleada verde-nera: dopo il minuto 2’, fra il 5’ e il 6’, il laterale replica ed Ansaloni fa una tripletta. Aposa è sicura di sé, spigliata nelle manovre: la sesta rete, di Pieri, al 10’, illude gli ospiti sulla stabilità del risultato. 


I locali arrancano nel contenimento e per la controffensiva si deve aspettare il 16’, quando la rete di Cilia S. reinfonde vigore ai compagni. Il Lavagna, apparentemente remissivo, in due minuti realizza altre due reti, assottigliando pericolosamente il vantaggio di Aposa. Al 19’ è Toschi a rassicurare i compagni: si va negli spogliatoi con un parziale di 7-4 per gli ospiti. 


Oramai le squadre si conoscono e la ripresa non può che essere un testa a testa in un clima incandescente: la palla corre da un lato all’altro del campo, portando con sé le speranze di riscatto di due compagini ancora a zero punti. Se al 4’ Pieri, per una svista del portiere avversario, porta ad otto le reti, quella vittoria ‘sicura’ traballa proprio a causa della sua espulsione, al 9’: il rigore realizzato da Parodi si aggiunge alla precedente rete di Masi. 


A turno, prima il Lavagna mette a ferro e fuoco la porta di Paciaroni, che non ammette più eccezioni, quindi sono i bolognesi a fare altrettanto. Allo stesso modo, al 14’ entrambe arrivano a cinque falli: il resto della gara, pur concitato, è mitigato dall’impossibilità di fare altri falli senza incappare in una pena severa. Al 18’ è il capitano Aprile, in una bellissima manovra corale avviata da Toschi, a mettere il sigillo al risultato. 


Aposa vince: una vittoria non perfetta, ma lungamente cercata, che rinfranca lo spirito. Ora una pausa, che consentirà agli autori di cinque delle nove reti della giornata, Ansaloni e Pieri, di giocare nella Nazionale Under 21 di Bellarte.


Stefania Avoni - Ufficio Stampa Aposa Bologna



LAVAGNA - APOSA BOLOGNA 6-9 (pt 4-7)

LAVAGNA: Mauro, La Rocca, Cilia S., Picasso, Parodi, Masi, Fernandez, Cilia M., Napoletano, Ferrada, Pedone, Focacci. All. Gai.

APOSA BOLOGNA: D’Alessandro, Pieri, De Pietro, Macchia, Aprile, Spada, Pritoni, Lucchese, Toschi, Paciaroni, Ansaloni, Radesco. All. Carobbi.

ARBITRI: Gioviale di La Spezia e Puvia di Carrara; cronometrista, Ricci di Genova.

MARCATORI: p.t. 1’ Mauro (L), 2’ e 5’ Spada (A), 5’10”, 5’40” e 6’ Ansaloni (A), 10’ Pieri (A), 16’Cilia S. (L), 16’ e 17’ Masi (L), 19’ Toschi (A), ; s.t. 4’ Pieri (A), 8’ Masi (L), 9’ Parodi (L), 18’ Aprile (A).

NOTE: ammoniti Ansaloni (A), Cilia S. (L), Macchia (A), Spada (A), Carobbi (A). Espulso Pieri (A)