Accardi, un pieno di Vigor: "A Bologna con la stessa mentalità, stando attenti alla fase difensiva"

Bisogna credere che la settimana trascorsa sia stata sicuramente corroborata dalla prima vittoria, storica, in Serie B di sabato scorso. Un risultato che ha permesso alla Vigor Fucecchio di rompere il ghiaccio ottenendo tre punti pesantissimi contro una Casalgrandese che nonostante tutto se l’è giocata fino in fondo. Proprio sul piano mentale e caratteriale, che cosa può aver rappresentato il successo sul Real? Lo abbiamo chiesto a mister Paolo Accardi.


“Tre punti che ci volevano come l'aria sia per la classifica e sia per il morale. Una vittoria che ci dà maggiore convinzione nei nostri mezzi: come ho detto ai ragazzi sin dall'allenamento di lunedì, dobbiamo rimanere umili e continuare a lavorare come fatto fino ad oggi, consapevoli che abbiamo tutte le carte in regola per poter disputare questo campionato”.


- Sicuramente sullo slancio dell'entusiasmo affronterete la trasferta di Bologna consapevoli di poter subito bissare, classifica alla mano, il primo successo. Quale errore bisognerà evitare di commettere contro l'Aposa?


“Dobbiamo affrontare tutte le partite con la stessa mentalità e la stessa convinzione di sabato scorso, avendo massimo rispetto degli avversari, senza sottovalutare nessuno e senza partire sconfitti contro nessuno. Come detto prima, l'importante sarà rimanere umili e consapevoli che la strada verso la salvezza è ancora lunga”.


- Cosa le è piaciuto di più della sua squadra in questa fase iniziale di stagione e dove pensa bisognerà intervenire per apportare quei correttivi che possano contribuire al miglioramento complessivo sul piano prestazionale?


“Mi è piaciuto tantissimo lo spirito di sacrificio dei ragazzi, la loro disponibilità e la loro determinazione nell'affrontare al massimo una stagione che presenta tantissime insidie. Per gli obiettivi che ci siamo prefissati, a mio avviso la rosa è ottima, formata anche da giovani di livello e di prospettiva. Sicuramente dovremo lavorare per migliorare nella fase di non possesso. 11 gol presi in due sole gare sono troppi, soprattutto considerando che molti sono conseguenza di grosse disattenzioni e ingenuità”.