breaking news
  • 01/07/2022 08:05 #A2, Aquile Molfetta: ufficializzato il nuovo allenatore, è Giampiero Recchia

24/12/2021 00:00

Cipolla e la Sampdoria, il matrimonio è vincente. "Qui a Genova sono circondato da persone perbene''

Il campionato si ferma e anche la Sampdoria non si sottrarrà ai rituali natalizi. Squadra in congedo per alcuni giorni e attività sospesa, con la sola eccezione dell’Under 19, scesa in campo ieri sera per incontrare la Elledi Fossano nel turno infrasettimanale che ha chiuso il 2021. L’occasione propizia per fare una chiacchierata con Francesco Cipolla, che da quando si è insediato sulla panchina della prima squadra soriana non ha fatto altro che vincere. Solo che l’ultimo successo, al contrario dei precedenti, ha “regalato” un dato che ha lasciato spazio a qualche riflessione: i cinque gol subiti per mano della Vis Gubbio. 


- E proprio da qui, a mente fredda, vogliamo partire: quali sono stati i motivi dei cinque gol presi a Gubbio? Atteggiamento di eccessiva leggerezza? Diversamente non sapremmo trovare un nesso…


“Non siamo per niente soddisfatti della nostra prestazione difensiva del secondo tempo. È chiaro. Ma penso che ci siano tanti meriti della squadra di mister Bettelli. Hanno giocato una gara molto spregiudicata, gestendo la situazione di portiere di movimento con molta qualità. Preferisco sottolineare la migliore prima frazione della mia gestione e la settima vittoria consecutiva di questo gruppo di lavoro, che rappresenta, al momento, la serie aperta più lunga della categoria”.


- Cambiamo ambito e veniamo alla sosta. Come hai impostato il lavoro per questa lunga interruzione? Tre settimane sono tante soprattutto per una squadra in salute che rischia di perdere lo smalto acquisito nelle settimane passate.


“Il riposo, il tempo da dedicare agli affetti e godersi le festività, fanno parte di una stagione. Spesso si può tornare più carichi e motivati di quanto si è interrotto. È quello che auspichiamo insieme al mio staff, col quale abbiamo pianificato questo periodo. Sfrutteremo la sosta per continuare a sistemare la qualità del nostro gioco. Alla ripresa avremo una gara dura davanti ai nostri tifosi, ai quali vogliamo provare a dare ancora soddisfazioni”.


- La questione Porto San Giorgio: una rivale in meno o adesso la concorrenza si farà più qualitativa?


“Dispiace per il Porto San Giorgio. Massima solidarietà soprattutto ai componenti dello staff. I valori del nostro girone sono ormai abbastanza consolidati. Le prime cinque a contendersi innanzitutto il play-in per la Coppa, primo obiettivo stagionale, e poi a battagliare per la griglia del grande play-off promozione. Ogni sabato sarà una battaglia, la Sampdoria è pronta a vendere cara la pelle”.


- Infine un tuo bilancio personale su questi primi due mesi a Genova.


“Sono circondato da persone perbene. Pino, Paola ed Hugo mi aiutano in tutto e per tutto. Con i ragazzi ho un ottimo rapporto. Stiamo vincendo. Ed è un onore poter lavorare per una persona come il presidente Fortuna. Devo aggiungere altro?”.


Basta e avanza, mister Cipolla. E condividiamo in pieno.