Città di Chieti, incrocio-salvezza a Campobasso. Di Muzio: ''Assenze pesanti, ma ce la giochiamo''

La prima cosa da dire è che non inganni il risultato, perchè il 7-3 che lo Junior Domitia ha inflitto sabato scorso al Città di Chieti è stato del tutto casuale, tanto che l’analisi di mister Di Muzio sui fattori che l’hanno provocata, poi in maniera così netta, è decisamente pacata.


“La partita con il Domitia è stata secondo me positiva: abbiamo giocato alla pari con la squadra, a mio parere, più attrezzata tra tutte quelle che abbiamo affrontato finora. Il risultato è stato reso più largo solo nel finale da nostri errori di frenesia nella tattica del portiere di movimento, che tra l’altro ci aveva permesso di tornare in partita. Ripartiamo dall’acquisita consapevolezza dell’atteggiamento necessario per affrontare questo girone e dalla voglia di tirarci fuori dai bassifondi di una classifica che non meritiamo”.


Le caratteristiche che il tecnico chietino aveva chiesto da subito al suo gruppo per duellare attivamente con le rivali del difficile girone F della cadetteria, che questo pomeriggio porterà Pica e compagni in Molise.


E mentre mister Fabiano Di Muzio si appresta a seguire le evoluzioni calcistiche del figlio Pietro, centrocampista centrale degli Esordienti del Pescara, ghiotto antipasto al personale sabato agonistico, ci spiega come ha preparato la trasferta di Campobasso considerando il fatto che oggi non solo mè uno scontro diretto per la salvezza e i punti in gioco sono fondamentali sia per la classifica ma anche per una concreta svolta in campionato, ma dovrà fare i conti con le pesanti defezioni di capitan Ciommi, Di Paolo, Toto e Sprecacenere.


“La partita di oggi ha un’importanza indubbiamente elevata soprattutto dal punto di vista psicologico. Andrà affrontata con attenzione e cattiveria agonistica ma, come dico sempre ai ragazzi, non bisogna mai perdere la serenità e la sfrontatezza che in qualche modo ci contraddistinguono. Credo sarà una partita molto tattica: e ci siamo preparati in maniera adeguata per giocarcela come sempre”.