breaking news
  • 05/12/2021 20:22 Serie A, termina in parità il posticipo di Salsomaggiore: Came Dosson-Feldi Eboli 4-4

24/01/2021 12:40

Disco rosso per il Pontedera. Sorride l'Aposa: decisivo Aprile, agli ospiti non basta Pisconti

Niente da fare. Anche la trasferta sul campo dell'Aposa non regala gioie al Pontedera, che esce sconfitto per 5-4 e per la prima volta in stagione scivola in terz'ultima, ovvero in piena zona playout. Nulla è perduto ovviamente (gli emiliani adesso sono davanti di due lunghezze ma con una partita giocata in più), ma la sensazione è che qualcosa deve cambiare a breve in casa Pontedera. Sebbene tutti fossero consapevoli nella società bianconera che questa non sarebbe stata una stagione semplice, perdere scontri diretti come questi fa sempre male. Nei minuti finali Caciagli e compagni hanno provato a imbastire una rimonta furiosa per strappare almeno il pareggio, ma gli sforzi dei pontederesi non sono bastati per rientrare nel proprio quartier generale con qualcosa in tasca. Ora non resta altro che rimboccarsi le maniche e preparare la prossima trasferta, in programma martedì sera sul campo del Fossolo, ritrovando la grinta e la forza mentale che avevano contraddistinto le prestazioni del Pontedera nelle prime giornata di questo torneo.

A Bologna, l'avvio dell'incontro lascia ben sperare la banda di mister Sardelli. Losada manda in profondità Caciagli, il taglio del capitano non viene letto difensivamente dall'Aposa e i bianconeri passano subito in vantaggio. La risposta dei padroni di casa non tarda ad arrivare. Prima Cortes, servito da un filtrante, mette la palla sotto l'incrocio dei pali e poi su un pallone intercettato gli emiliani vanno in contropiede e Gaglio infila alle spalle di Laino il gol del 2-1. Il Pontedera si ricompone dopo l'uno-due dell'Aposa e comincia a macinare tanto possesso spalla. Spesso i bianconeri colgono impreparati gli avversari con belle giocate in velocità e scambi rapidi che portano a diversi tiri verso la porta di Di Bitonto. L'occasione più ghiotta capita sui piedi di Pisconti, che viene murato dall'uscita del portiere avversario. Su schema da calcio di punizione, la palla arriva a Caciagli che calcia alto sopra la traversa. La pressione del Pontedera si fa asfissiante, Gamberini perde palla e i bianconeri vanno in tre contro due, Pisconti lascia a G. Camero che viene respinto da Di Bitonto. A ridosso dell'intervallo un triangolo tra Losada e G. Camero libera l'argentino che impatta la gara e manda le squadre negli spogliatoi sul 2-2.

Nella ripresa entrambe le squadre alzano il pressing andando a prendere i rivali nella propria metà campo. Tutto questo porta a una palla rubata da G. Camero che tenta di superare Di Bitonto, il portiere resiste al dribbling e ostacola il tiro quel tanto che basta per evitare il peggio. Superato lo spavento, l'Aposa torna a farsi vedere in avanti con Maizi che trova la pronta opposizione di Laino. Da un lato Pisconti sfida Di Bitonto, sempre attento sulle conclusioni dalla distanza, dall'altro Laino è provvidenziale su Procaccini. A rompere l'equilibrio è la formazione emiliana con Rossi che, dopo un'azione personale, mette un rasoterra alla sinistra di Laino per il 3-2. Il Pontedera si rende pericoloso con Pisconti e Caciagli, che di testa su assist di Losada colpisce la traversa, ma a muovere il risultato a 6'48” dal termine sono ancora i locali con Maizi. La successiva rete di Aprile a poco meno di 3 minuti dal termine sembra chiudere definitivamente i giochi, ma i bianconeri provano a gettare il cuore oltre l'ostacolo. Alla ripartenza Losada imbuca per Caciagli che accorcia le distanze. A 35” dalla fine Pisconti mette la sfera all'angolino basso per il 5-4. I bianconeri ci provano fino alla fine senza però riuscire a superare la difesa più ordinata dei padroni di casa, che vincono e superano i pontederesi in classifica.

Ufficio Stampa Pontedera