Grifoni, le emozioni di Stefano Picchietti: "L'A2? Che soddisfazione arrivarci con mio figlio!"

Una cavalcata partita da lontano e terminata con l'epilogo migliore. I Grifoni domenica sera, battendo il Futsal Giorgione per 4-2 nella finale playoff, hanno conquistato l'accesso a quella Serie A2 che forse avrebbero meritato di raggiungere già nella regular-season. Anche se tutto non era andato per il meglio, gli spellani si sono rimboccati le maniche e alla fine hanno realizzato il grandissimo sogno del salto di categoria, l'ennesimo per mister Stefano Picchietti, che ha preso per mano questo club dalla categorie inferiori portandolo verso ambiziosissimi traguardi. E proprio il tecnico rossoblù a fine gara ci racconta tutti i suoi pensieri e tutte le sue emozioni dopo un match che entra di diritto nella storia del sodalizio umbro. 

“È un’emozione grandissima - esordisce mister Picchietti ai nostri microfoni - perché come ho detto a tutti io sono partito ad allenare questa squadra dalla Serie D e portarla in A2 penso che non fosse facile, perché anch’io mi devo adeguare ogni anno alla categoria che vado a fare e quindi penso che sia stato davvero un grande risultato, non solo mio personale, ma soprattutto di ogni ragazzo. Poi la soddisfazione più grossa è quella di avere il figlio in squadra (in foto il tecnico a fianco di Niccolò), che non è comunque una cosa facile. L’emozione è davvero tanta. Poi oggi sul pullman abbiamo saputo dell’assenza di Alunni Santoni, che per noi è il giocatore più forte che abbiamo, quindi non era facile convincere i ragazzi che tutti meritavano spazio e che tutti avrebbero fatto bene, quindi su questo penso di essere stato bravo, poi il resto l’hanno fatto tutto loro”.

- Nel primo tempo il match è stato equilibrato, mentre nella ripresa vi siete chiusi dietro. Potevate forse tentare qualche apertura in più verso l'attacco?

“Negli spogliatoi abbiamo detto “siamo in vantaggio per 3-1, non vogliamo rischiare niente, ci chiudiamo perché sappiamo farlo bene” e “speriamo in qualche ripartenza” perché ne avevamo bisogno di qualcuna in più, anche se non l’abbiamo fatto e questo ci dispiace. Alla fine è vero, loro hanno tirato parecchie volte, ma noi ci siamo mangiati cinque-sei gol importanti, quindi penso che sia una vittoria meritata, anche perché abbiamo fatto una stagione straordinaria: siamo la squadra che ha fatto più partite di tutti, toccando quota 33, dunque ritengo che anche questo sia un merito”.

- I Grifoni volando quindi in A2...ma potranno volare più in alto?

“Intanto stiamo con i piedi per terra, che è quello che la società mi ha sempre chiesto. Quindi vediamo com’è l’A2, vediamo se siamo in grado di mantenere quella categoria, poi ci ragioneremo sopra; intanto vedremo cosa ci aspetterà”.


Lorenzo Miotto






Foto: Stefano Tedioli - Divisione Calcio a 5