Grifoni, Stoppini di nome e di fatto: "Ero in giornata. Complimenti di Guidolin? Lo ringrazio tanto"

Nella serata magica che domenica scorsa ha coronato la stagione dei Grifoni con la promozione in Serie A2, certamente protagonisti sono stati con i loro gol Youssef Hachimi ed Edoardo Metelli, ma anche Lorenzo Stoppini, a suon di parate prodigiose, ha meritato di essere inserito tra i migliori in campo nella sfida vinta con il Futsal Giorgione. Soprattutto nel secondo tempo, quando gli spellani si sono dovuti chiudere in difesa per preservare il vantaggio, l'estremo difensore classe 1998 si è superato in diversi momenti...stoppando palloni su palloni e intraprendendo pure un duello con Diego Guidolin, uno dei bomber più prolifici del futsal del Nord-Est, che in più di un'occasione si è complimentato con il portiere avversario. Così, dopo la premiazione, non potevano non scendere sul parquet del PalaCattani per scambiare due parole con Stoppini. 

- Lorenzo, se non sei stato il migliore in campo, poco ci manca. Metelli ha fatto gol, Hachimi ha fatto gol, ma poi c'è bisogno di qualcuno che i gol, quelli degli avversari, li eviti. Che ci puoi dire della tua prestazione? 

“Diciamo che la prestazione l’ha fatta tutta la squadra, da chi è entrato a chi ha iniziato la partita, a chi è subentrato: abbiamo fatto veramente un’ottima partita. Poi parlando del mio ruolo, si sa che in questo sport il portiere è più di metà squadra. Devo dire che sono stato abbastanza in giornata, diciamo così”. 

- Ma ti è mai capitato di dover fare così tante parate? 

“Sì sì, altre volte è successo. Purtroppo noi siamo arrivati fino a questo punto per aver sbagliato qualche finale di partita, quindi abbiamo allungato di un mese e mezzo questo campionato, però devo dire che è stata comunque una bellissima esperienza andare a confrontarsi con altre squadre all’infuori di Umbria, Marche e Lazio, quindi faccio i complimenti al Prato e allo stesso Giorgione. Abbiamo fatto un ottimo percorso”. 

- Hai intrapreso un duello straordinario con Diego Guidolin, che più di una volta ti ha pure fatto i complimenti. Lui è uno dei bomber più leggendari del futsal del Nord-Est e non solo e ha affrontato grandissimi portieri: la sua è una grandissima attestazioni di stima, te ne rendi conto? 

“Sì, lo ringrazio infinitamente perché veramente, i complimenti, soprattutto dagli avversari, per un portiere danno ancora più forza e motivazione, quindi sapevo che era un giocatore di un certo spessore in questo sport. Ripeto, lo ringrazio davvero tanto, così come ringrazio tutta la squadra avversaria perché mi sono fatti i complimenti e devo dire che ecco, un po’ del mio ce l’ho messo. Però ribadisco, è merito anche della squadra, perché se il portiere para, ma davanti non si segna finisce 0-0”.


Lorenzo Miotto





Foto: Divisione Calcio a 5