Il copione non cambia, la Defender c’è ma la fortuna meno: 3-3 col Melilli, due legni tremano ancora

È un refrain che si ripete da settimane quello visto al PalaPansini col Defender Giovinazzo C5 a un passo dalla vittoria e una serie di episodi sfavorevoli che fanno pendere l’ago della bilancia dalla parte degli avversari. Si può sintetizzare in questo modo la gara, valida per la tredicesima e ultima giornata di andata di Serie A2 Élite, che i biancoverdi del patron Carlucci hanno impattato per 3-3 col Città di Melilli. Eppure l’inizio (i giovinazzesi sono passati in vantaggio dopo 47 secondi di gioco) fa ben sperare, ma i locali sembrano avere un conto aperto con la fortuna: sarebbe potuta andare molto meglio se non ci si fossero messi un palo di Roselli e una traversa di Silon Junior. 

LA CRONACA - Bernardo, senza La Notte e Montelli, schiera Di Capua, Menini, Dibenedetto, Palumbo e Silon Junior, mentre Mittelman risponde con Dovara, Failla, Bocci, Gianino (Moreno) e Ribeiro Ique. I padroni di casa partono con il botto e al 1’ sono già avanti: la rete del vantaggio è di Dibenedetto, abile a raccogliere un assist di Piscitelli e infilare Dovara nel sette, 1-0. La reazione del Melilli è timida, mentre è il palo di Roselli a portare vicini i giovinazzesi alla seconda rete. I siciliani cercano di farsi vivi con Bocci e Ique, ma i veri pericoli si materializzano dalle parti di Dovara aiutato dalla traversa centrata da Silon. Al riposo è 1-0.

Al rientro Roselli pecca d’altruismo e per la dura legge del gol Gianino (Moreno), su palla inattiva, fa 1-1 al 7’. Il vantaggio del Melilli vien fuori da un pasticcio arbitrale: i direttori di gara assegnano prima la rimessa laterale ai locali, ma lasciano che Gianino (Moreno) possa fornire l’assist a Rizzo che indisturbato la spinge in rete: 1-2 al 10’. La reazione dei padroni di casa è fulminea e rabbiosa: i giovinazzesi, in 7 secondi, ristabiliscono la parità con un sinistro di Silon, 2-2. Ora l’inerzia è tutta dalle parte dei biancoverdi di casa che tornano in vantaggio, al 16’, dopo una proficua intesa tra Menini e Dibenedetto, con quest’ultimo che riesce a sfoderare un diagonale al bacio: 3-2. Con 140 secondi ancora da giocare il Melilli schiera il power-play (Bocci) e l’intuizione si rivela determinante perché Ique, al 18’, ristabilisce la definitiva parità. Finisce 3-3.


DEFENDER GIOVINAZZO - CITTA' DI MELILLI 3-3 (pt 1-0)

DEFENDER GIOVINAZZO: Di Capua, Menini, Silon, Dibenedetto, Palumbo, Roselli, Piscitelli, Fanfulla, Fermino, Marolla, Jander, Lobasso. All. Bernardo

CITTA' DI MELILLI: Dovara, Failla, Ique, Bocci, M. Gianino, Andolina, D. Gianino, Rizzo, Sapia, Vega, Spampinato, Lucifora. All. Mittelman

ARBITRI: Lattanzio di Collegno, Mazzoni di Ferrara. CRONO: Fiorentino di Barletta

MARCATORI: pt 0'47'' Dibenedetto (G); st 7'02'' M. Gianino (C), 10'00'' Rizzo (C), 10'07'' Silon (G), 16'07'' Dibenedetto (G), 18'35'' Ique (C)

NOTE: ammoniti Rizzo (C), Fermino (G), Menini (G), Roselli (G), Di Capua (G), Ique (C)


Ufficio stampa Defender Giovinazzo