Il Palmanova si gioca il tutto per tutto. Criscuolo all'assalto del Giorgione: ''Gioco il 2 fisso!''

In attesa che da piazzale Flaminio arrivino indicazioni sulle possibili modifiche ai criteri di retrocessione riguardo ai quali si sente vociferare da alcuni giorni, in casa del Palmanova si pensa solo ad affrontare la trasferta di Castelfranco Veneto nella miglior condizione possibile e tuttavia nella consapevolezza che allo stato attuale delle cose solamente una vittoria sul Giorgione può permettere alla squadra di Beppe Criscuolo di compiere un passo verosimilmente decisivo verso la salvezza. Che con i castellani attesi anche da due recuperi non potrà essere ancora certificata.

Una situazione che Criscuolo ha ben chiara. 

“Sabato ci giochiamo la salvezza sul campo del Giorgione e questa per me è già una grande soddisfazione: se non ricordo male, per la contentezza di parecchi, cinque giornate fa ci davano già per retrocessi e, invece, siamo ancora qua a giocare con il nostro destino fino alla fine”.

Una salvezza al quale il Palmanova si è aggrappato con i denti e le unghie, battendo il Maccan Prata e il Rovereto e riuscendo a scavalcare proprio la squadra di Marani. L’obiettivo, per il momento, è quello di scansare la retrocessione diretta, in base ai regolamenti al momento vigenti i palmarini dovranno affrontare il playout interregionale. Criscuolo spera di chiudere la stagione tagliando il traguardo.

“I ragazzi hanno dato tutto in queste gare, ci hanno creduto come il sottoscritto. Naturalmente, in una stagione pieni di problemi, e credetemi noi ne abbiamo avuti tanti oltre il Covid, raggiungere questa salvezza ha un valore doppio. Ma oggi non abbiamo ancora fatto niente: dobbiamo vincere a Castelfranco Veneto”.