L'Atletico Cassano non riesce a sfatare il tabù-trasferta e va ko: in Sicilia vince il Regalbuto

 Finisce con una sconfitta il 2021 dell’Atletico Cassano: i “pellicani”, nell’ultima gara dell’anno, non riescono a sfatare il tabù-trasferta e, in Sicilia, perdono la quinta partita stagionale (la quarta lontano dal PalAngelillo), in casa di un Futsal Regalbuto lanciatissimo verso la vetta della classifica. Non si sono visti, in campo, i dieci punti che separano le due squadre, ma alla fine ai biancocelesti manca il guizzo finale. Così le rotazioni limitate a disposizione di mister Recchia e il calo di concentrazione nel finale, permettono ai padroni di casa di vincere per 3-2 e fare bottino pieno.


I “pellicani”, con Dani Garcia a mezzo servizio per essersi allenato poco in settimana a causa di problemi intestinali, partono con Dibenedetto, il rientrante Perri, Raid, Lestingi e Barbosa. E la partenza dei biancocelesti è decisamente positiva: nei primi minuti l’Atletico Cassano contiene le velleità del Regalbuto e quando può affonda il colpo con Raid che prova a beffare Leotta con un pallonetto impreciso e Perri che mette alla prova i riflessi dell’estremo difensore di casa con un potente destro dalla destra. Ci prova anche Barbosa, ma Miraglia (entrato per l’infortunato Leotta) mette in angolo. Sugli sviluppi palla ad Alemão Glaeser che non sbaglia e al 5’ porta in vantaggio i suoi. Raid cerca subito il raddoppio ma Miraglia è bravo e toglie il pallone dall’incrocio deviando in corner.


Proprio sugli sviluppi di un corner arriva il gol del pareggio dei siciliani con Capuano all’8’. Gol che scuote i padroni di casa che cominciano ad attaccare con più convinzione e impegnano Dibenedetto con Lo Cicero e Chiavetta. Dall’altra parte è D’Ambrosio a cercare il vantaggio ma il suo pallonetto si spegne sul palo. Vantaggio che invece trova il Regalbuto con Andrea Vitale che approfittando di un errore difensivo dei biancocelesti segna la rete del 2-1.

Nella ripresa Dani Garcia colpisce il secondo palo di giornata per l’Atletico Cassano, mentre Dibenedetto è chiamato agli straordinari su Lo Cicero e Capuano. L’espulsione di Perri (il secondo giallo all’argentino è forse un po’ troppo severo) lascia i biancocelesti in inferiorità numerica, ma gli uomini di mister Recchia reggono e approfittano, a loro volta, del rosso diretto a Lo Cicero (entrataccia su Raid) per pareggiare con Alemão Glaeser al 10’. Due minuti dopo, però, sempre sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Capuano fissa il risultato sul 3-2 che, di fatto, chiude la gara. Inutili i tentativi finali dell’Atletico Cassano di cercare il pareggio con il portiere di movimento: il pressing deciso dei siciliani non lascia spazio ai biancocelesti.

Arriva così un’altra sconfitta. Ma per i “pellicani” ci sono ottime indicazioni dal punto di vista del gioco. Servirà più determinazione per trovare il gol e, soprattutto, ricominciare a far punti: ora i biancocelesti ne hanno 11, come il Futsal Capurso, e chiudono il 2021 in ottava posizione in classifica. E bisogna anche cominciare a guardarsi le spalle: i play out sono a 1 solo punto, la zona retrocessione ad appena 2.  






Ufficio Stampa Atletico Cassano - Vito Surito 

Foto: Caiati