La vittoria nel big-match vale il terzo posto: il Sardinia fa festa e supera il Fucsia Nizza

Era il big match della sesta giornata di campionato, il Fucsia Nizza imbattuto in casa della Sardinia Futsal, una delle squadre più in forma del campionato, nonostante la sconfitta di una settimana fa. Alla fine al Pala MonteAcuto è stato spettacolo puro per il 3-1 che vale la vittoria dei rossoblu di mister Gianni Melis. A festeggiare e cancellare di colpo il passo falso di sette giorni fa sono Serginho e compagni dopo una gara intensa in cui nessuno si è risparmiato. A cominciare da Fratini, Loddo e Cogotti autori delle tre reti rossoblu (il Nizza è andato a segno con Fazio), che hanno regalato ai rossoblu la vittoria numero quattro in stagione (solo una sconfitta) e il rilancio in classifica.

LA GARA - Eppure il match è stato tanto combattuto. A cominciare da un primo tempo in cui il bel gioco ha lasciato spazio ad agonismo e un protagonista, l'estremo difensore ospite Ameglio autore di almeno sei interventi decisivi contro l'attacco dei rossoblu. Sempre nella prima frazione, chiusa 0-0, c'è stato spazio anche per la traversa di Loddo. Ma le emozioni più forti sono arrivate nella ripresa dopo le due reti rossoblu a smuovere il tabellone e accendere i tifosi sugli spalti. Il Fucsia Nizza ci ha provato anche con il portiere di movimento ma Ledda ha alzato la saracinesca negando il gol ospite che è arrivato però con Fazio. Il pareggio ha infiammato la gara e la Sardinia futsal si è divorata il tris più volte (anche una traversa per Atzeni), anche con gli ospiti in inferiorità numerica per l'espulsione del capitano Baseggio. Ma la rete della tranquillità è arriva sul finale, per un gol che vale anche i tre punti.

CLASSIFICA - Con la vittoria i rossoblu si rilanciano in classifica e agganciano il terzo posto in solitaria a 12 punti, dietro proprio al Fucsia Nizza (13 punti) e la capolista incontrastata Domus Bresso (18 punti) che però hanno una gara in più. Ma dal PalaMonteAcuto arrivano ancora altre certezze, quelle di una squadra matura capace di gettarsi alle spalle la delusione della prima sconfitta e di un gruppo compatto tornato bello e vincente. Adesso testa al prossimo match per cercare nuove conferme, nonostante l'assenza già sicura del portiere Ledda espulso sul finale. 

 

 

Ufficio Stampa Sardinia