breaking news
  • 28/11/2021 19:02 Serie A, il posticipo va alla Meta Catania: a Salsomaggiore sconfitta la L84 per 3-1

12/03/2021 01:33

Leonardo, la festa è qui. Perdighe euforico: ''Un'emozione fortissima, chi l'avrebbe mai detto?''

4-4 con la Roma nel recupero, centrata la qualificazione alle Final Eight della Coppa Italia di Serie A2. La Leonardo ha scritto mercoledì una gran bella pagina della sua storia, con Fabio Perdighe con la fascia da capitano al braccio che ha vissuto uno dei momenti più emozionanti della sua pluriennale militanza con il team cagliaritano. 


“L’emozione è stata fortissima - ammette Perdighe - perché ad inizio anno era impensabile immaginare un traguardo del genere, ma dopo i primi mesi questa possibilità è diventata pian piano sempre più concreta e siamo riusciti a centrare questo prestigioso obiettivo. Per me, alla mia età e da capitano, non può che essere una soddisfazione enorme e la vivo come un premio per quanto fatto in tutti questi anni”.


- La Final Eight è stata conquistata, la salvezza è già da tempo in cassaforte, adesso non rimane altro che puntare l'ultimo step: quante sono le possibilità di centrare i playoff?


“Tolte ovviamente l’Olimpus, cui faccio grandissimi complimenti per la meritatissima promozione, ed il Ciampino, penso che gli ultimi posti playoff siano una sfida a cinque e sino all’ultima giornata non ci sarà certezza di come potrebbe finire. Le possibilità ci sono, proseguiremo il nostro percorso con estrema tranquillità consci di aver già vinto il nostro campionato”.  


- Sabato il calendario vi riporta ad affrontare la Roma, in casa loro: in palio punti pesanti per i playoff. Partita da preparare come e, soprattutto, come andrà interpretata?


“Quest’anno capita anche di incontrarsi a stretto giro ed il tempo per prepararsi non è tanto. Purtroppo affrontare tre partite in sette giorni non ci ha portato benissimo e dopo aver raggiunto un traguardo del genere dovremo essere bravi a recuperare soprattutto energie nervose. Prenderemo spunto dalla partita di mercoledì per gestire al meglio il confronto in chiave tattica, cercando di proseguire la striscia positiva per restare attaccati al treno dei playoff”.


Sul piano della formazione permangono le solite difficoltà per mister Petruso, costretto a fare a meno di Erbì (stagione già finita per il bravo e sfortunato portiere, sostituito degnamente tra i pali da Ledda) e con Jota ancora squalificato. Dos Santos mercoledì ha giocato con un problema al ginocchio e lo stesso Perdighe non si è allenato al meglio nelle ultime settimane. 


“Probabile che venga usato qualche under - si congeda Perdighe - perché siamo a corto di energie ed anche sabato scorso, con l’Italpol, avevamo due giocatori in meno”.