breaking news
  • 12/04/2021 21:27 Serie B, girone C: il Modena Cavezzo vince 4-0 il recupero di Bagnolo e torna in vetta
  • 11/04/2021 16:53 Serie B, girone E: nel recupero della quarta giornata Velletri-Mediterranea Cagliari 5-4
  • 11/04/2021 16:27 Serie B, girone A: la Domus espugna Cagliari (4-2), qualificazione ai playoff ad un passo
  • 10/04/2021 12:37 Serie A2 femminile: Mediterranea-VIP slitta al 18/4, si giocherà a San Martino di Lupari

12/01/2021 08:50

Olimpus, la ricetta per il successo di D'Orto: "Vincere non è mai semplice, serve un gruppo unito"

Altro successo per l'Olimpus che allunga in vetta alla classifica grazie al 6-1 in terra sarda rifilato ad un buon Città di Sestu. La squadra di Daniele D'Orto però non ferma la sua marcia e consolida un primato sempre più netto nel girone B. Al termine della gara proprio D'Orto, ha analizzato la partita ai microfoni di Directa Sport Live Tv non solo la gara, ma anche gli obiettivi stagionali e la ricetta giusta per gestire un gruppo di campioni. 

"Il Città di Sestu è un'ottima squadra - dice il tecnico analizzando il match - una delle migliori che abbiamo incontrato, gli faccio i miei complimenti. Probabilmente gli manca un finalizzatore, un pivot che fa gol. Parliamo di una squadra che ha grande atletismo, capace di creare una importante mole di gioco ma non finalizza. Per me potrebbe giocarsi tranquillamente uno dei primi cinque posti". 

Poi l'analisi si sposta sulla sua squadra e sugli obiettivi stagionali. 

"Sono uno a cui piace vincere, ma farlo non è mai facile. Va creata la giusta armonia nel gruppo, un aspetto su cui mi piace molto lavorare, e noi lo siamo. Contro di noi tendono un po' tutti a fare la partita della vita, il Covid ha condizionato molto gli equilibri in questa prima parte di stagione. Credo che le avversarie forti e temibili siano tante: c'è il 360GG che ha una squadra importante, ma anche il Ciampino Anni Nuovi, la Leonardo, o la stessa Italpol sono grandi squadre. Non è stato facile vincere qui, lo avevo detto ai miei ragazzi prima della partita. Se e meglio allenare Dimas o Lucileia? Beh, è molto diverso - dice sorridendo - devo dire però che con Dimas ho un legame particolare, ma anche il gruppo di ragazzi italiani è davvero straordinario". 


esp.