breaking news

11/06/2021 12:00

Piscardi ha fiducia nella sua Meriense: “Al PalaMili più a nostro agio. Faremo una grande prova”

Un pareggio contro il Domenico Savio e una sconfitta col Mortellito. Sono stati questi gli unici due “nei” per una Meriense praticamente perfetta, che ha vinto tredici gare su quindici disputate, play-off compresi. Ora non si può abbassare la concentrazione e servirà aggiungere la quattordicesima, contro La Madonnina, che la squadra di Piscardi incontrerà di nuovo a distanza di pochi giorni, stavolta per la semifinale dei play-off del girone B della Serie C1 siciliana.

“Siamo stati praticamente perfetti – conferma mister Gianluca Piscardi – peccato per queste due partite per come sono andate ma, nonostante ciò, siamo usciti sempre a testa alta. Forse col Savio è stata l’unica prova sottotono di tutta la nostra stagione, ma per il resto è stata un’annata straordinaria seppure con i problemi che ci sono stati specialmente nel momento della ripartenza. Abbiamo ricominciato da zero e sono stati bravi i ragazzi ad inserirsi in maniera veloce per dare continuità al nostro percorso”. 

Sul prossimo avversario il tecnico prosegue.

“La Madonnina l’abbiamo incontrata sia in campionato sia nei play-off, sempre fuori casa, e abbiamo vinto entrambe le volte. L’ultima gara giocata, proprio nei play-off, l’abbiamo interpretata nel modo giusto, con tante difficoltà legate specialmente alla pioggia ed al campo all’aperto, cosa alla quale i miei ragazzi non sono abituati. Risultato mai in discussione, pur avendo subito il 2-2 dopo essere stati in vantaggio 2-0. Direi che siamo sempre stati bravi ad attaccare. Adesso li incontriamo di nuovo, stavolta al PalaMili, campo grande ed al chiuso nel quale ci troviamo più a nostro agio. Sono certo che faremo una grande prestazione. Mancherà Helder perché squalificato e abbiamo anche qualche acciaccato che spero di recuperare. In ogni caso la rosa che ho a disposizione mi consente di avere anche le giuste e valide alternative”.

È una Meriense che ci crede e che vuole questa Serie B.

“Sì, e lo dimostrano i sacrifici fatti dalla società. Un percorso iniziato con il mio arrivo, l’anno scorso, poi purtroppo il campionato dopo due partite è stato interrotto per i motivi che conosciamo tutti. La dirigenza mi ha messo nelle condizioni di allenare un gruppo di ragazzi fantastici e metteremo tutti, me compreso, il massimo della nostra forza per fare questo regalo alla società per tutto quello che ha dimostrato”.